Università della Calabria, copia la tesi per il 96% e blocca la seduta: parenti inferociti, arrivano i carabinieri

di Redazione | 24/04/2018

tesi copiata unical

La studentessa dell’Università della Calabria, che ha frequentato le lezioni di giurisprudenza presso il cubo 3D di Rende, aveva copiato la sua tesi di laurea per il 96%. Il lavoro è stato sottoposto a un software di comparazione per documenti presenti in rete e sarebbe stata questa la soglia di sovrapposizione con un’altra pubblicazione disponibile su internet. A questo punto, inevitabilmente, la seduta di laurea è stata sospesa, causando proteste e litigi tra i parenti degli altri laureandi.

LEGGI ANCHE > Sucida dal tetto dell’università, aveva detto ai genitori che si sarebbe laureata in giornata 

Tesi copiata all’Università della Calabria, l’intervento dei carabinieri

A calmare gli animi sono intervenuti persino i carabinieri della compagnia di Rende che si sono strovati di fronte una scena decisamente anomala. Gli altri colleghi della ragazza che avrebbe messo in atto il plagio, infatti, sono andati su tutte le furie, a causa dell’inevitabile dilatazione dei tempi della seduta di laurea.

I lavori della commissione presieduta dal professore Enrico Caterini, infatti, sono stati sospesi per ben due ore questa mattina, e soltanto dalle 11 in poi è stato possibile riprendere le discussioni permettendo agli altri laureandi di portare a termine il loro percorso di studio universitario. La ragazza che si è resa protagonista del presunto plagio, tuttavia, non ha potuto sostenere la discussione.

La tesi della ragazza riguardava il reato di diffamazione e i nuovi mezzi di comunicazione. Secondo alcune ricostruzioni, la docente che avrebbe dovuto seguire la laureanda nell’elaborato finale di questa sessione di laurea – che si completerà il prossimo 28 aprile – non sarebbe stata presente al momento della discussione.

Tesi copiata a Rende, gli accertamenti dell’università

In corso, ora, diversi accertamenti per comprovare quanto emerso nel corso della sessione di laurea di oggi presso l’aula ‘Sorrentino’. Il primo ad accorgersi di questo presunto plagio, con il 96% del lavoro copiato, sarebbe stato proprio il presidente della commissione Caterini. Resta da capire come si sia arrivati fino al giorno della discussione: le tesi di laurea, normalmente, vengono sottoposte al vaglio del relatore (e, in alcuni casi, anche di un contro-relatore) e una situazione del genere si sarebbe potuta evitare con il vaglio attento della docente chiamato ad assistere la studentessa nel suo lavoro di tesi. In passato, secondo alcune ricostruzioni riportate dal Corriere della Calabria, la professoressa in questione si sarebbe resa protagonista anche di altri episodi di negligenza nei confronti del suo incarico.

Ora, bisognerà attendere l’esito dell’analisi di una commissione, nominata dal rettore Gino Crisci, che avrà il compito di verificare il presunto plagio della tesi in giurisprudenza.