|

Di Maio a Montecitorio: «Discorso chiuso con Salvini, ora aspettiamo il PD»

Apertura da Maurizio Martina del Partito Democratico, convergenza di Luigi Di Maio del Movimento 5 Stelle. È questo l’esito politico della giornata di oggi, nella tornata di consultazioni diretta dal presidente della Camera Roberto Fico. Pd e M5S sono disposti a trattare su un programma condiviso: contemporaneamente si registra la chiusura totale di Di Maio a Matteo Salvini. «Aspettiamo il Pd, con la Lega discorso chiuso – ha detto il leader del Movimento 5 Stelle -. Convergenza sui programmi votati sulla piattaforma Rousseau: se fallisce anche questo tentativo si torni al voto». Il presidente della Camera Roberto Fico aveva ricevuto ieri dal capo dello Stato un mandato esplorativo per verificare se ci sono margini per una trattativa e un accordo tra Pd e M5S. Fico ha ricevuto a Montecitorio alle 14.30 la delegazione Dem e alle 18 ha incontrato i vertici del Movimento 5 Stelle, il suo partito. Ora, dovrà poi riferire a Mattarella entro giovedì.

Le consultazioni di Fico, a Montecitorio colloqui con Pd e M5S: rivivi la diretta

ore 18.32. L’intervento di Luigi Di Maio a Montecitorio dopo l’incontro con il presidente della Camera Fico: «Abbiamo invitato la Lega a formare un contratto di governo per il bene del Paese. Salvini ha deciso di condannarsi. Chiaro che un governo del centrodestra non è più un’ipotesi percorribile dopo aver provato per 50 giorni a dire a Salvini che si poteve cambiare. Ogni discorso con la Lega si chiude qui. Abbiamo apprezzato le parole del segretario Martina che vanno verso un’apertura. Noi ci siamo sui temi per firmare un contratto di governo per il cambiamento del Paese sul nostro programma. Sono temi che abbiamo a cuore, qualsiasi contratto di governo dovrà essere ratificato dai nostri iscritti nella piattaforma Rousseau. Noi siamo alternativi e questo è un segno di rispetto. Nessuna forza politica può fare da soli. Ci sono dei trascorsi con il Partito democratico. Se riusciremo a mettere al centro i temi, noi sui temi ci siamo e l’abbiamo sempre detto. Vogliamo verificare i presupposti. Dobbiamo vederci per capire se ci sono i presupposti, poi passiamo alla stesura del contratto. Noi non siamo disponibili per governi tecnici o del presidente. Un eventuale fallimento significherà nuove elezioni, dev’essere chiaro questo passaggio. A decidere sarà comunque il presidente della Repubblica».

ore 18.00. Governo, il presidente della Camera Fico riceve il M5S. Puntuale, alle 18, arriva dal presidente della Camera Roberto Fico la delegazione del Movimento 5 Stelle. Luigi Di Maio e i capigruppo Giulia Grillo e Danilo Toninelli sono appena arrivati a Montecitorio.

ore 17.42. Governo, apertura di Martina ma la base M5S insorge. Dopo le consultazioni con il presidente Roberto Fico e l’apertura di Maurizio Martina a una possibile maggioranza M5S-Pd, la base dei pentastellati insorge. «Vergognati Di Maio. Ci hai traditi! L’ultima cosa che avrei mai pensato è di ritrovarmi ancora con tutto il sacco PD che per me è come la spazzatura, alleato con il M5S. Vergogna!» è uno dei tanti commenti che stanno animando la pagina del blog del Movimento 5 Stelle.

ore 17.00. Governo, verso una direzione Pd la prossima settimana. La direzione del Pd che dovrebbe valutare l’apertura al Movimento 5 Stelle di oggi dovrebbe essere convocata la prossima settimana. La riunione potrebbe essere programmata già per lunedì ma è possibile, a causa del ponte del primo maggio, che si tenga nei giorni successivi. La Direzione Dem servirà a valutare i »fatti nuovi», nell’interlocuzione di governo. la condizione posta dal Partito Democratico al M5S per un confronto è la chiusura del forno con la Lega.

ore 16.55. Governo, sull’apertura di Martina Pd diviso. L’apertura al dialogo con il Movimento 5 Stelle espressa dal segretario reggente del Pd Maurizio Martina viene giudicata diversamente dagli esponenti del Partito Democratico. Gianni Cuperlo ha dichiarato: «Sono d’accordo con Maurizio Martina. Se il Movimento 5 Stelle dichiara archiviato il tavolo con la Lega, il Pd deve tener conto della novità. La Direzione, da convocare al più presto, si confronti ed esprima sul nuovo scenario una posizione condivisa».

Contrati altri esponenti. «Sono certa che non sarà una sorpresa per nessuno se dico che per me non ci sono le condizioni politiche e programmatiche per un accordo con il M5s», ha scritto la deputata Alessia Morani su Twitter. «Giusto che direzione Pd decida su accordo con M5S. Io voterò contro. #senzadime», ha twittato invece su Twitter Sandro Gozi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega agli Affari Europei.

ore 16.30. Le consultazioni di Fico, alle 18 colloquio con il M5S. Per le consultazioni del presidente della Camera Roberto Fico, che ieri ha ricevuto un mandato esplorativo dal presidente della Repubblica, dopo il Pd è attesa a Montecitorio la delegazione del Movimento 5 Stelle. Il colloquio è programmato per le 18.

ore 16.15. Le consultazioni di Fico, la svolta: il Pd apre al dialogo, se il M5S chiude alla Lega. L’intervento del segretario reggente del Pd Maurizio Martina dopo il colloquio della delegazione Dem con il presidente della Camera Roberto Fico a Montecitorio ha sancito una svolta nei rapporti tra Partito Democratico e Movimento 5 Stelle. Martina ha aperto al dialogo con i pentastellati a condizione di una chiusura di Luigi Di Maio a trattative con centrodestra e Lega. L’ex ministro ha spiegato che il partito è disponibile al confronto sottoponendo il nuovo percorso da seguire ad una valutazione in direzione. Si attende ora l’incontro di Fico con la delegazione M5S, in programma alle 18.30.

ore 15.50. Le consultazioni di Fico, Martina: «Pd disponibile al dialogo sulla base dei punti di programma». Maurizio Martina a Montecitorio ha ribadito che il Pd è disponibile a dialogare con il Movimento 5 Stelle sulla base dei 100 punti del suo programma di governo e su tre punti «già evidenziati durante le Consultazioni al Quirinale»: una «agenda europeista», il «rinnovamento della democrazia superando il populismo», politiche del lavoro «rispettando gli equilibri di finanza pubblica». «Sul piano programmatico – ha detto ancora Martina – noi abbiamo ribadito al presidente Fico che l’asse di riferimento sta attorno al programma del Pd, nei 100 punti proposti al Paese, e in tre sfide essenziali richiamate durante le consultazioni al Quirinale». Martina ha quindi spiegato questi tre punti: «L’Italia è chiamata a scegliere se contribuire a un stagione europeista o se ripiegare sul sovranismo. Noi siamo per un lavoro deciso perché Italia contribuisca, assieme alla Francia e alla Germania, a una nuova agenda europea, mentre altre forze hanno una idea opposta»; il secondo punto riguarda «il rinnovamento della democrazia, al di là della deriva plebiscitaria»; in terzo luogo «politiche del lavoro e di contrasto alla poverta’ e alle disuguaglianze entro gli equilibri di finanza pubblica».

ore 15.45. Le consultazioni di Fico, Martina: «Il Pd aspetta le risposte del M5S sulle priorità».  Davanti alle telecamere, alla fine dell’incontro della delegazione Dem con il presidente della Camera Roberto Fico, il segretario reggente del Pd Maurizio Martina ha precisato che il partito aspettano le risposte del Movimento 5 Stelle sulle priorità del Partito democratico. «Siamo ad un passaggio di fase potenziale – ha affermato – aspettiamo vere risposte su questi temi fondamentali Attendiamo di capire gli sviluppi e lo faremo con il massimo della disponibilità sempre tenendo fermi i nostri atteggiamenti di queste settimane chiarezza, coerenza e responsabilità nel riconoscimento della fase che il paese sta attraversano».

ore 15.40. Le consultazioni di Fico, Martina: «Il Pd valuterà in direzione l’ok al nuovo percorso». Maurizio Martina ha affermato che il Pd valuterà in direzione la possibilità di seguire un nuovo percorso dopo una rottura tra Movimento 5 Stelle e centrodestra. «Con spirito di leale collaborazione, non nascondendoci le diversità e punti di partenza differenti anche dal punto di vista programmatico su temi essenziali, ci impegniamo – ha detto il segretario reggente dopo il colloquio con Roberto Fico – ad approfondire questo possibile percorso di lavoro comunque coinvolgendo i nostri gruppi dirigenti». Martina ha affermato che «la direzione nazionale deve essere chiamata a valutare, approfondire discutere ed eventualmente deliberare un percorso nuovo che ci coinvolga».

ore 15.35. Le consultazioni di Fico, Martina: «Una novità se Di Maio chiude alla Lega, Pd disponibile a riflessione». Terminato l’incontro con il presidente della Camera Roberto Fico il segretario reggente del Pd Maurizio Martina a Montecitorio ha dichiarato: «Siamo disponibili a valutare il fatto nuovo della fine di qualsiasi tentativo di un accordo tra Movimento 5 Stelle e Lega e centrodestra».  Precisamente: «Abbiamo detto a Fico una cosa: dopo 50 giorni di questa situazione che abbiamo tutti osservato e vissuto di impossibilità ad arrivare ad una proposta di governo, noi siamo disponibili a valutare il fatto nuovo se verrà confermato in queste ore e cioè la fine di qualsiasi tentativo di un accordo con la lega».

ore 15.10. Le consultazioni di Fico, battute di Delrio con i giornalisti. I capigruppo Pd Graziano Delrio e Andrea Marcucci si sono recati a piedi dal Nazareno a Montecitorio. Delrio ha scherzato con i giornalisti: «Non facciamo male alla gente, non fateci perdere altri voti». «Una moda andare a piedi? Noi andiamo sempre a piedi».

ore 14.50. Governo, gli scenari: tempi stretti per un’intesa Pd-M5S o governo del presidente. I tempi per trovare un’intesa tra Pd e Movimento 5 Stelle sembrano essere ristretti. Chi nel Partito Democratico preme per un’apertura ai pentastellati per sedersi ad un tavolo e valutare proposte spera che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella conceda altro tempo dopo giovedì, il giorno entro il qaule il presidente della Camera Roberto Fico deve riferire sull’esito delle consultazioni. Molti temono che l’alternativa all’assenza di un’intesa in tempi rapidi sarebbe un governo del presidente.

ore 14.40. Le consultazioni di Fico, in corso colloquio con Martina, Delrio e Marcucci. La delegazione Dem che sta incontrando Roberto Fico a Montecutorio è composta dal segretario reggente del partito Maurizio Martina, dai due capigruppo di Senato e Camera, Andrea Marcucci e Graziano Delrio, e dal presidente del partito Matteo Orfini.

 

consultazioni fico
(Foto: ANSA / UFFICIO STAMPA CAMERA DEI DEPUTATI)

 

ore 14.35. Le consultazioni di Fico, delegazione Pd a Montecitorio. A Montecitorio è arrivata la delegazione del Pd. Il colloquio tra presidente della Camera Roberto Fico e vertici del Partito Democratico era programmato per le 14.30. Sono dunque iniziate alla Camera le consultazioni della terza carica dello Stato per la formazione del nuovo governo. Dopo gli esponenti Dem Fico, alle 18, incontrerà il M5S.

 

fico
(Foto: ANSA / GIUSEPPE LAMI)

 

ore 14.25. Governo, Pd ancora diviso sul dialogo con il M5S. Il Partito Democratico dovrebbe presentarsi dal presidente della Camera Roberto Fico mantenendo la porta ancora semichiusa a un confronto con il M5S. Il Pd sembra non aver ancora maturato al proprio interno una posizione comune, che potrebbe essere invece raggiunta nei prossimi giorni, magari con una direzione. I Democratici sono tuttora spaccati tra chi, come l’ex premier Matteo Renzi è fermo sulla luinea del no agli accordi con i pentastellati e chi, come il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, è pronto a prendere in considerazione un canale di dialogo.

ore 14.10. Le consultazioni di Fico, scelte di Pd e M5S cruciali per superare lo stallo. Dopo sette settimane di stallo e inutili tentativi di trattativa tra centrodestra e M5S (con veti reciproci) le scelte del Pd e dei pentastellati di oggi possono contribuire ad uscire dall’impasse. Un’intesa tra Partito Democratico e Movimento 5 Stelle è al momento ancora improbabile, ma non impossibile come appariva solo qualche settimana fa. Il centrodestra è pronto ad opporsi ad una simile soluzione. Il leader della Lega Matteo Salvini stamane su Twitter ha scritto: «Pd al governo? No, grazie. Farò di tutto perché il voto degli italiani sia rispettato, da Roma e da Bruxelles. Ps: guarda caso i clandestini tornano a sbarcare…».

ore 13.55. Le consultazioni di Fico, in corso riunione Pd. È in corso al Nazareno, sede nazionale del Partito Demcoratico, la riunione dei vertici Dem. Partecipano il segretario reggente Dem Maurizio Martina i capigruppo di Camera dei deputati e Senato, rispettivamente Graziano Delrio e Andrea Marcucci, e il presidente Matteo Orfini. La delegazione Pd incontrerà il presidente della Camera Roberto Fico a Montecitorio alle 14.30.

ore 13.45. Le consultazioni di Fico, su Fb rimosso un video di Marcucci (Pd) anti-M5S. Una strana cancellazione su Facebook. Dalla pagina del Pd è sparito un video del capogruppo al Senato Andrea Marcucci in cui si definisce «quasi impossibile» tra Dem e Movimento 5 Stelle. Il filmato è stato prima pubblicato, poi rimosso. Il dettaglio è stato notato da alcuni parlamentari dello stesso Partito Democratico, che osservano come adesso sulla pagina campeggi in apertura l’intervista a Repubblica in cui Dario Franceschini invita al confronto con i pentastellati.

 

LEGGI ANCHE > Il capogruppo Marcucci chiude a Fico, ma il video viene ‘censurato’ dalla pagina del PD | VIDEO

 

ore 13.40. Le consultazioni di Fico, riunione Pd prima del colloquio. È programmato al Nazareno un incontro dei vertici del Partito Democratico prima del colloquio a Montecitorio con il presidente della Camera. All’incontro probabilmente, oltre al segretario reggente Maurizio Martina, anche i capigruppo di Camera e Senato, rispettivamente Graziano Delrio e Andrea Marcucci, il presidente dell’assemblea Matteo Orfini, e il coordinatore della segreteria Lorenzo Guerini.

ore 13.40. Governo, nel Pd confronto sul dialogo con il M5S. Ai colloqui di Roberto Fico a Montecitorio, il Partito Democratico arriva ancora diviso su come porsi rispetto alla possibilità di un dialogo con il Movimento 5 Stelle. Dalle dichiarazioni degli esponenti Dem sono emerse posizioni non univoche. In un’intervista a Repubblica il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini ha dichiarato che il Pd ha «l’obbligo» di aprire un confronto «senza pregiudiziali» con i pentastellati, tenendo il partito «unito» a cominciare dal suo leader «più influente», Matteo Renzi. Il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, intanto in un tweet: «Vedo serio rischio che Pd sia troppo antisistema per allearsi con M5s attuale». In un altro messaggio, poi, un commento sui primi 50 giorni trascorsi dal voto: «Fico esplora, Salvini passeggia (ma non marcia), Di Maio informa. Intanto programmi cambiano, contratti vengono redatti da Professori su input di chi considera Governo dei tecnici e professori male assoluto. Nessuno mette in discussione Nato e Euro. Non male per primi 50 giorni». La parola spetta al segretario reggente Maurizio Martina.

Lo streaming

Per i colloqui di Roberto Fico con Pd e M5S a Montecitorio è stata programmata una diretta streaming delle dichiarazioni delle delegazioni. A trasmetterle la webtv e il canale satellitare della Camera dei deputati.

Il calendario

Il calendario delle consultazioni di oggi di Roberto Fico a Montecitorio prevede colloqui solo con i rappresentanti di Partito Democratico e M5S. Alle 14.30 è previsto l’incontro con la delegazione Pd e alle 18 con quella del Movimento 5 Stelle.

(Foto di copertina da archivio Ansa)