Governo, Mattarella affida un mandato alla Casellati per cercare una maggioranza centrodestra-M5S

di Redazione | 18/04/2018

governo

A 45 giorni dalle Elezioni Politiche del 4 marzo il presidente della Repubblica ha compiuto la prima mossa verso la formazione di un nuovo governo. Sergio Mattarella, dopo due giri di consultazioni al Quirinale, il primo il 4 e 5 aprile e il secondo il 12 e 13 aprile, ha affidato oggi un mandato esplorativo alla presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati. La seconda carica dello Stato ha ricevuto l’incarico di verificare l’esistenza di una maggioranza parlamentare tra centrodestra e M5S e di un’indicazione condivisa per il conferimento dell’incarico di presidente del Consiglio. La Casellati dovrà comunicare al Quirinale l’esito del suo mandato entro venerdì. La Lega soddisfatta: «Noi siamo pronti, gli altri smettano di litigare». Il segretario reggente Pd Maurizio Martina: «Ora fine alle ambiguità». Luigi Di Maio: «Occasione per fare chiarezza». Qui la diretta live.

Governo, Mattarella ha affidato un mandato esplorativo alla Casellati

ore 13.20. Mandato esplorativo alla Casellati, Di Maio (M5S) ribadisce: «Occasione per fare chiarezza». L’aspirante premier del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio ha commentato l’incarico affidato da Sergio Mattarella alla seconda carica dello Stato con un video via Facebook. «Voglio augurare buon lavoro – ha detto il capo politico dei grillini – alla presidente del Senato e ringraziare il presidente Mattarella per questa decisione. Questa per noi è un’occasione preziosa per fare chiarezza anche perché l’Italia non può più aspettare. Alla presidente del Senato esporremo le nostre posizioni e le nostre proposte coerentemente con quanto abbiamo già affermato negli ultimi giorni».

LEGGI ANCHE > Di Maio ‘silura’ la Casellati: «Governo del cambiamento solo su nostre proposte, tra cui il reddito di cittadinanza | VIDEO»

ore 13.00. Mandato esplorativo alla Casellati, Toninelli (M5S): «Occasione per fare chiarezza». Anche il Movimento 5 Stelle non ha fatto attendere un suo commento all’incarico a Maria Elisabetta Alberti Casellati. Il capogruppo al Senato Danilo Toninelli ha dichiarato: «Ringraziamo il presidente Mattarella per questa occasione che sarà utile per fare chiarezza. L’Italia ha urgente bisogno di un governo del cambiamento e noi metteremo al centro dell’agenda i temi che il 4 marzo hanno portato 11 milioni a votarci».

ore 12.55. Mandato esplorativo alla Casellati, Martina (Pd): «È il momento della verità, la fine delle ambiguità». A pochi minuti dall’ufficializzazione dell’incarico alla presidente del Senato è arrivato anche un commento dai vertici del Pd. Il segretario reggente Maurizio Martina ha affermato: «Con il mandato alla Presidente Casellati di verificare le condizioni per una possibile maggioranza di governo tra centrodestra e Cinque Stelle si pone fine alle ambiguità di questi 45 giorni. Altro che aspettare le elezioni regionali, ora è il momento della verità per chi dopo il 4 marzo ha pensato solo a tatticismi e personalismi».

ore 12.40. Casellati da Gentiloni a Palazzo Chigi. Dopo aver ricevuto al Quirinale il mandato esplorativo da Sergio Mattarella per verificare se esiste una maggioranza centrodestra-M5S ed essersi recata per un colloquio a Montecitorio dal presidente della Camera Roberto Fico, Maria Elisabetta Alberti Casellati è entrata a Palazzo Chigi per un incontro con il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

ore 12.25. Mandato esplorativo alla Casellati, la Lega: «Incarico positivo, noi siamo pronti». Le reazioni politiche all’incarico esplorativo di Sergio Mattarella alla presidente del Senato non si sono fatte attendere. La Lega ha commentato positivamente la decisione del capo dello Stato. «Per la Lega – si legge in una nota dell’ufficio stampa del partito di Matteo Salvini – è positivo l’incarico alla presidente Casellati perché il perimetro di un governo di centrodestra-5 stelle è esattamente quello deciso dal popolo italiano. La Lega è pronta a governare anche oggi, basta che gli altri smettano di litigare».

ore 12.00. Casellati a Montecitorio da Fico. Dopo aver ricevuto il mandato esplorativo dal presidente della Repubblica Maria Elisabetta Alberti Casellati è giunta a Palazzo Montecitorio per conferire con il presidente della Camera Roberto Fico.

ore 11.55. Governo, Casellati: «Svolgerò l’incarico con spirito di servizio».  Al termine del colloquio con il capo dello Stato la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati ha dichiarato: «Ho ricevuto dal presidente Mattarella il mandato esplorativo nei termini già espressi dal comunicato. Ho ringraziato per la fiducia accordatami, terrà costantemente aggiornato il presidente Mattarella. Intendo svolgere quest’incarico con lo stesso spirito di servizio che in queste settimane ha animato il mio ruolo di presidente del Senato».

 

governo
(Foto da archivio Ansa. Credit immagine: ANSA / MASSIMO PERCOSSI)

 

ore 11.45. Governo, Mattarella ha deciso: «Mandato esplorativo alla presidente del Senato Casellati». Al termine del colloquio al Quirinale, Ugo Zampetti, segretario generale della Presidenza della Repubblica, ha riferito: «Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha affidato alla presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, l’incarico di verificare l’esistenza di una maggioranza di governo tra il partiti della coalizione di centrodestra e il Movimento 5 Stelle e la possibilità di indicare un presidente del Consiglio». Maria Elisabetta Alberti Casellati comunicherà l’esito del suo mandato entro la giornata di venerdì.

 

governo
(Foto da archivio Ansa. Credit: ANSA / Francesco Ammendola – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

 

ore 11.35. Governo, Casellati seconda donna a ricevere un mandato esplorativo. La presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati è la seconda donna a ricevere dal capo dello Stato un mandato esplorativo per verificare le possibilità di formazione di un nuovo governo. Nel 1987, quando il governo di Bettino Craxi entrò in crisi, l’allora presidente della Repubblica Francesco Cossiga affidò l’incarico di esploratore alla presidente della Camera Nilde Iotti, deputata comunista. Dopo cinque giorni, la Iotti riferì al capo dello Stato dei suoi sondaggi e alla fine Cossiga affidò ad Amintore Fanfani l’incarico con il più ampio mandato.

ore 11.30. Governo, attesa dichiarazione di Mattarella al termine del colloquio con Casellati. Al termine dell’incontro con la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati è attesa, come già accaduto al termine dei due giri di consultazioni il 5 e il 13 aprile, una dichiarazione del capo dello Stato Sergio Mattarella.

 

governo
(Foto da archivio Ansa. Credit: ANSA/ QUIRINAL PALACE PRESS OFFICE – PAOLO GIANDOTTI)

 

ore 11.25. La diretta streaming su YouTube. È possibile seguire quanto accade al Quirinale anche in diretta streaming, grazie al canale YouTube ufficiale della Presidenza della Repubblica Italiana. Questo il link.

ore 11.20. Governo, Casellati a colloquio da Mattarella. È in corso il colloquio tra la seconda carica dello Stato e il presidente della Repubblica. L’incontro potrebbe durare una trentina di minuti o più di mezz’ora, come capitato nel corso delle consultazioni di inizio aprile. Il mandato esplorativo alla presidente del Senato è ormai certo.

 

governo
(Foto da archivio Ansa. Credit: ANSA/ QUIRINAL PALACE PRESS OFFICE – PAOLO GIANDOTTI)

 

ore 11.05. Governo, Casellati arrivata al Quirinale. La presidente del Senato è arrivata al Quirinale dove, con ogni probabilità, riceverà dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella un mandato esplorativo per verificare se esiste una maggioranza parlamentare per la formazione di un nuovo governo. Il capo dello Stato la attende nello studio alla Vetrata

ore 10.55. Governo, Casellati lascia il Senato per andare al Quirinale. La presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati con l’auto di servizio ha lasciato Palazzo Giustiniani, dove ha sede l’appartamento di rappresentanza della seconda carica dello Stato, per recarsi al Quirinale dove è stata convocata, per le 11, dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

ore 10.45. Mandato esplorativo, da Craxi a Bersani: i precedenti. Sono diversi gli esempi di mandati esplorativi degli ultimi 40 anni di storia Repubblicana. Tra gli esploratori incaricati dal presidente della Repubblica ci sono Bettino Craxi, nel 1979, Nilde Iotti, 1987, Giovanni Spadolini, 1989, Antonio Maccanico, 1996, Franco Marini, 2008, e Pier Luigi Bersani, nel 2013.

ore 10.35. Governo, M5S insiste su Di Maio premier come unica soluzione. I vertici del M5S continuano a ribadire che l’unica loro opzione per la guida del governo è Luigi Di Maio. «Lo escludo categoricamente», ha detto stamattina il capogruppo al Senato Danilo Toninelli, ai microfoni di 6 su Radio 1, rifiutando l’ipotesi di un esecutivo senza il capo politico di Pomigliano. «Non perché vogliamo posizionare Luigi Di Maio lì – ha proseguito Toninelli- ma perché sono state 11 milioni di persone ad averlo scelto». E poi: «Come facciamo a dire a queste persone che abbiamo cambiato idea, che scegliamo una figura terza che non è uno eletto, che è uno che non ha preso un voto? L’unico che garantisce l’attuazione del nostro programma e di un eventuale contratto di governo è Luigi Di Maio».

ore 10.30. Governo, incarico alla Casellati con possibilità di successo basse. Le parole degli esponenti M5S da quando si sono diffuse le voci di un probabile mandato esplorativo del capo dello Stato alla presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati confermano che i veti e i tatticismi delle ultime settimane non sono stati ancora rimossi. Le probabilità di successo dell’incarico vengono considerate basse. E per questo restano in vita i piani alternativi dei principali partiti. Secondo i retroscena pubblicati dai principali quotidiani il Movimento 5 Stelle e il suo leader Luigi Di Maio non escludono, come soluzione estrema, una trattativa con il Pd, che finora non si è mai aperta. Forza Italia e Silvio Berlusconi spererebbero in un governo del presidente con un ‘terzo uomo’ a capo dell’esecutivo.

ore 10.05. Governo, M5S conferma veto su Berlusconi. Il mandato esplorativo alla presidente del Senato è un’ipotesi che sembra non servire, almeno per ora, a superare i veti posti dal Movimento 5 Stelle. A Maria Elisabetta Alberti Casellati «ripeteremo che il veto su Silvio Berlusconi rimane», ha detto a Radio anch’io, trasmissione di Radio Rai, il senatore pentastellato Vito Crimi.

ore 9.50. Governo, Salvini favorevole al mandato esplorativo alla Casellati. L’incarico esplorativo a Maria Elisabetta Alberti Casellati, senatrice di Forza Italia, unisce il centrodestra. Ieri Matteo Salvini ha detto di considerare positivamente un mandato alla presidente del Senato. «Può fare un buon lavoro», ha detto il leader della Lega ai cronisti. «Se ci fosse qualcuno in gamba che sottoscrive un programma che condivido, perché non accettarlo? Io a differenza di Di Maio non sono qua a dire o governo io o non si fa niente».

ore 9.30. Casellati al Quirinale, Parlamento al lavoro. Mentre la presidente del Senato salirà al Colle per ricevere, alle 11, l’incarico esplorativo da Sergio Mattarella non si fermerà il lavoro del Parlamento. L’apertura della sala stampa del Quirinale alla loggia alla Vetrata è stata programmata per le 9.30. Alle 10 è convocato il Parlamento in seduta comune. All’ordine del giorno c’è la votazione per l’elezione di un giudice della Corte Costituzione e la votazione per l’elezione di due componenti il Consiglio superiore della Magistratura.

ore 9.25. Governo, cosa succede con il mandato esplorativo alla Casellati. Con l’incarico esplorativo che riceve oggi dal presidente della Repubblica, la seconda carica dello Stato assume il compito di provare a stanare i partiti e arrivare alla formazione di una maggioranza parlamentare a sostegno di un nuovo governo. Il tentativo della presidente del Senato e senatrice di Forza Italia avverrà attraverso colloqui con i leader politici secondo un calendario che deve ancora essere definito. Il mandato esplorativo viene solitamente affidato ad un’alta carica dello Stato che non è destinata a diventare presidente del Consiglio. Al termine delle sue consultazioni Maria Elisabetta Alberti Casellati dovrà riferire al capo dello Stato. Che a sua volta deciderà come procedere.

ore 9.10. Governo, archiviata l’ipotesi pre-incarico a Di Maio o Salvini. La convocazione della presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati al Quirinale manda in archivio l’ipotesi, che pure era circolata negli ultimi giorni, di un pre-incarico ad un leader di partito. Secondo le informazioni riportate dai principali quotidiani, il capo dello Stato avrebbe potuto affidarlo ad uno dei capi politici di una delle due formazioni politiche uscite rafforzate dalle Elezioni Politiche del 4 marzo, M5S e Lega, quindi a Luigi Di Maio o a Matteo Salvini. Poi la scelta del mandato esplorativo.

ore 09.00. Governo, Mattarella convoca Casellati al Quirinale per un mandato esplorativo. Come reso noto da un comunicato del Quirinale pochi minuti prima delle 9, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha convocato la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati al Colle alle ore 11.

 

governo
(Foto: Mattarella e Casellati durante le consultazioni 13 aprile. Credit: ANSA / UFFICIO STAMPA QUIRINALE – PAOLO GIANDOTTI)

 

Cos’è il mandato esplorativo

Il mandato esplorativo non è un vero e proprio incarico di governo ma un mandato che il presidente della Repubblica può affidare quando dalle sue consultazioni con i vertici delle forze politiche e con le alte cariche dello Stato non sia emersa un’indicazione chiara. Si tratta di una soluzione presa in considerazione in questi giorni da Sergio Mattarella proprio perché il doppio giro di colloqui al Colle delle ultime due settimane non è servito a spingere ad un’intesa i principali partiti e coalizioni presenti in Parlamento. Dalle urne il 4 marzo erano usciti rafforzati soprattutto centrodestra e M5S. Nelle leggi e nei regolamenti non esiste una definizione ufficiale di mandato esplorativo ma nella prassi politica il significato è chiaro. Il capo dello Stato con questo tipo di mandato affida ad una personalità che non è destinata a diventare il futuro presidente del Consiglio l’incarico di verificare, svolgendo consultazioni al suo posto, se alla Camera e al Senato esiste una maggioranza per sostenere un nuovo governo. Al termine dei colloqui l’incaricato riferisce al presidente della Repubblica. Che a sua volta decide come procedere.

 

governo
(Foto: Mattarella e Casellati durante le consultazioni 13 aprile. Credit: ANSA / UFFICIO STAMPA QUIRINALE – PAOLO GIANDOTTI)

 

Chi è Maria Elisabetta Alberti Casellati

Maria Elisabetta Alberti Casellati ha 71 anni, è nata a Rovigo il 12 agosto 1946, e ha alle spalle una lunga carriera nelle istituzioni. Laureata in giurisprudenza, è un esperta di diritti canonico, ha svolto la professione di avvocato ed è stata componente del Consiglio Superiore della Magistratura. È stata eletta cinque in Parlamento, sempre al Senato, dove è entrata per la prima volta nel 1994 per Forza Italia. Ha rivestito diversi incarichi all’interno del partito di Silvio Berlusconi e nei governi da lui guidati. Tra il 2004 e il 2006 è stata sottosegretaria alla Salute. Tra il 2008 e il 2011 invece sottosegretaria alla Giustizia. Il 24 marzo scorso è diventata la prima donna a ricoprire la carica di presidente del Senato. Alle Elezioni Politiche del 4 marzo è stata eletta all’interno del collegio 1 di Venezia con il 40% delle preferenze. È nota per le sue posizioni critiche sulle unioni civili e sui diritti delle famiglie arcobaleno e lgbt. Ma anche per aver sostenuto tutte le battaglie di Berlusconi in materia di giustizia. Nei giorni scorsi, attorno al suo nome, è emersa una polemica per un episodio risalente a qualche anno fa. Sarebbe stata responsabile dell’assunzione della propria figlia a capo della segreteria del dipartimento della Sanità, ai tempi in cui era ministro, in un governo Berlusconi, Girolamo Sirchia.

(Foto di copertina da archivio Ansa)