Rousseau
|

Il M5S prima e dopo le elezioni: cambiati i programmi votati su Rousseau

Se il partito che avete votato alle elezioni, con il quale avete «partecipato» alla stesura del programma, cambiasse idea immediatamente dopo il voto, come la prendereste? La domanda è retorica, ma non casuale. Secondo quanto riportato dal quotidiano Il Foglio – cosa che, del resto, è facilmente riscontrabile per chi ha un minimo di dimestichezza con gli archivi della rete -, il Movimento 5 Stelle avrebbe fatto una vera e propria rivoluzione nei suoi programmi dopo le elezioni del 4 marzo.

LEGGI ANCHE > Di Maio e il cambiamento del M5S sulla Siria e sulla Nato

M5S CAMBIO PROGRAMMI, COSA C’È DI NUOVO

Nella campagna elettorale, infatti, le posizioni del Movimento 5 Stelle (specialmente in materia di politica estera) erano molto più radicali e «movimentiste» rispetto a quelle che si leggono adesso sul sito del Movimento. Il cambiamento non è così peregrino: probabile, infatti, che la formazione di un nuovo governo passi da una convergenza sui programmi del Movimento con altri partiti. Ma di quali programmi si parla? Di quelli pre-elettorali o di quelli post-elettorali?

M5S CAMBIO PROGRAMMI, EVIDENTI I PASSAGGI DIVERSI IN POLITICA ESTERA

Perché la differenza è sostanziale. Si pensi a un caso d’attualità, la guerra in Siria. Prima delle elezioni, il Movimento ripudiava qualsiasi tipo di guerra con queste parole:

«Iraq, Somalia, ex Jugoslavia, Afghanistan, Iraq bis, Libia, Ucraina, Siria. L’elenco dei Paesi distrutti dall’unilateralismo occidentale potrebbe essere molto più lungo. Le guerre di conquista dell’ultimo periodo hanno portato il mondo ad un passo dall’Apocalisse e ad oggi hanno prodotto centinaia di migliaia di morti, feriti, mutilati e sfollati. Territori devastati, smembrati, economie fallite, destabilizzazioni estese a intere regioni e milioni di persone in marcia verso l’Europa. Le lobby dell’industria militare e i governi collusi sono gli unici a guadagnare da tutto questo. È fondamentale applicare in modo rigoroso il dettame dell’art 11 della Costituzione italiana e riconoscere il diritto alla pace, come diritto irrinunciabile e inalienabile di tutti i popoli della Terra, considerare reato internazionale la guerra di aggressione e di conquista e riconoscere il diritto delle popolazioni aggredite ad essere risarcite dal Paese o dai Paesi aggressori».

Come si evince da questa immagine, invece, la posizione ora appare molto più sfumata: il Movimento si batte per la «soluzione pacifica delle controversie», ma non c’è più alcun riferimento ai Paesi aggressori, nè tantomeno all’unilateralismo dell’Occidente.

programma M5S

Il passaggio forte sul ripudio della guerra è stato anche sfumato dalla nuova posizione del Movimento 5 Stelle sulla NATO. Nel programma pre-elettorale, infatti, si legge che i parlamentari pentastellati sottoporranno:

«al Parlamento un’agenda per il disimpegno dell’Italia da tutte le missioni militari della NATO in aperto contrasto con la lettera e lo spirito dell’art. 11 della nostra Costituzione. Consideriamo, inoltre, il nostro territorio indisponibile per il deposito e il transito di armi nucleari, batteriologiche e chimiche nonché per installazioni e addestramenti che ledano la salute degli italiani».

Ora, invece, questa chiusura che appariva netta diventa la possibilità di stabilire un confronto con l’alleanza atlantica: «si ribadisce l’esigenza – si legge nel nuovo programma – di aprire un tavolo di confronto in seno alla NATO, affinché il modello in vigore sia superato adeguandosi alle esigenze dei singoli Paesi alleati, anche in proporzione ai singoli contributi al budget atlantico».

M5S CAMBIO PROGRAMMI, ANCHE ALTRE AREE INTERESSATE

Cambiamenti evidenti riguardano anche l’area Euro («l’Italia è succube della moneta unica» si leggeva nel programma pre elettorale del Movimento 5 Stelle), esplicitando la mancata volontà dei pentastellati di uscire dall’unione monetaria (un cambiamento di linea evidenziato più volte anche da Luigi Di Maio nel corso della campagna elettorale, in verità), sulle banche, sul programma dello sviluppo economico e su quello del lavoro. Secondo Il Foglio, il cambiamento è da imputare alle nuove linee direttive di Di Maio, accolte e accettate da Davide Casaleggio. Una sorta di colpo di spugna sulle posizioni «acchiappa-voti» per proporsi come una forza responsabile di governo.

 

TAG: M5S, Rousseau