Il Venezuela in fiamme di Schemidt ha vinto il World Press Photo 2018

di Redazione | 13/04/2018

World Press Photo

Ronaldo Schemidt, fotografo dell’agenzia Afp, ha vinto il World Press Photo 2018 con l’immagine di un ragazzo venezuelano in fiamme durante le proteste anti-Maduro del maggio 2017.

LEGGI ANCHE > Lucie Myslíková, la foto della ragazza scout che sfida un manifestante neonazista

La foto riporta il Venezuela protagonista della politica internazionale. Il Paese sudamericano sta soffrendo un’importante crisi sociale, economica e politica.

Il giovane, coperto solo da una maglietta bianca e una maschera anti-gas, è sopravvissuto con ustioni di primo e secondo grado su tutto il corpo ed è il simbolo di una nazione spaccata letteralmente in due: da una parte i sostenitori del governo, che continuano a sostenere il presidente Maduro e la rivoluzione “chavista”; dall’altra i suoi oppositori che chiedono un cambiamento liberale, come il 28enne raffigurato nell’immagine.

Magdalena Herrera, presidente della giuria del prestigioso premio internazionale, ha commentato così la decisione di premiare Schemidt: “È una foto classica, ma ha un’energia istantanea e dinamica, i colori, il movimento, e una buona composizione, ha forza. Mi ha dato un’emozione istantanea“.

Schemidt sulla foto ha dichiarato: “Ho sentito il calore, il flash e mi sono girato. Non sapevo cosa fosse. Ho solo visto una palla di fuoco venirmi incontro“.

Quando un’immagine racconta più di mille parole.

(Credits foto: Ansa/Ace, Ufficio Stampa World Press Photo 2018)