Fabrizio Frizzi santo
|

Fabrizio Frizzi santo, il postulatore carmelitano don Romano Gambalunga lo ritiene possibile

Fabrizio Frizzi santo? Il settimanale Di Più, uscito ieri, si è chiesto se sia possibile beatificare il conduttore TV alla luce dell’enorme emozione popolare suscitata dalla sua morte. La futura santità di Frizzi non è stata esclusa da don Romano Gambalunga, il postulatore generale, ovvero il responsabile delle cause di canonizzazione, dell’Ordine dei carmelitani scalzi. [EDIT: Quest’ultimo, poi, ha voluto precisare la natura delle sue dichiarazioni al settimanale Il Mio Papa, affermando che il processo, in realtà, non si può avviare in questo momento e che quella della santità di Frizzi è una fake news derivata dalla cattiva interpretazione delle sue parole].

PER APPROFONDIRE > La bufala della santità di Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi santo, il postulatore carmelitano don Romano Gambalunga lo ritiene possibile

Nella sua intervista alla rivista diretta da Sandro Mayer il sacerdote ha spiegato come «di sicuro questo consenso popolare così contagioso può essere interpretato come “fama di santità”, il termine con cui noi postulatori definiamo un primo segnale importante per aprire un processo di canonizzazione». Don Romano Gambaluga ha poi proseguito il suo colloquio con Di Più rimarcando di esser convinto della possibilità di Fabrizio Frizzi santo.

 

LEGGI ANCHE> ROCCO CASALINO AL NEW YORK TIMES: «POSSIBILE SUPERARE IL DOPPIO MANDATO»

«Lo ritengo possibile, perché tutto parte da questo sentimento popolare, da questa fama di santità che si respira intorno a Frizzi e che si tocca con mano. Ogni postulatore è stimolato da un fenomeno del genere. E io, come postulatore, sono toccato dal grido del popolo che ha eletto Fabrizio a esempio di bontà, che si rivolge a lui come farebbe con chi ha più caro al mondo, una mamma, o un papà o un fratello, chiedendo aiuto e serenità», spiega il religioso.

Fabrizio Frizzi santo
Il conduttore del programma Rai “L’eredità” Fabrizio Frizzi, Roma, 08 febbraio 2018.
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

«Persone che dentro di loro pensano: “Aiutaci, Fabrizio”. Persone che si sentono bene o migliori invocando e ricordando Fabrizio. Questo furor di popolo può essere il primo passo per cominciare a indagare sulla santità di Frizzi, ma è una strada lunga», ha rimarcato a Di Più il postulatore carmelitano Gambalunga . Il sentimento di dolore collettivo generato dalla morte di Fabrizio Frizzi deve essere rispettato, ma il modo migliore per ricordare un conduttore TV che ha emozionato così tante persone non pare essere un processo di beatificazione basato sulla semplice fama. Anche i religiosi dovrebbero spiegarlo ai settimanali che cercano di catturare l’attenzione del pubblico, ancora così elevata nei confronti di una persona che sicuramente ha lasciato un bellissimo ricordo di sè nel grande pubblico.