Salouini
|

Salouini Salvini mandato in prigione in Siberia da Putin, l’incredibile successo di una bufala satirica

Putin che fa un atto di giustizia condannando a 70 anni di prigione Matteo Salvini, chiaramente ritratto in foto, anche se è chiamato Salouini e la sua pelle è colorata di nero. La bufala ironica creata dalla pagina “Non ha stata più la Boldrini” sta conoscendo un enorme successo. In pochi giorni ha superato le 60 mila condivisioni, e la sua diffusione sta aumentando nonostante sia un evidente scherzo.

Salouu

Salouini Salvini mandato in prigione in Siberia da Putin, l’incredibile successo di una bufala satirica

Non è possibile neanche fare un debunking, tanto è chiaro l’intento ironico, a partire dal nome stesso della pagina che prende in giro le bufale sugli immigrati associate all’ex presidente della Camera Laura Boldrini. Il meme creato da “Non ha stata più la Boldrini” è scherzoso sin dalla foto, con Matteo Salvini, chiaramente riconoscibile, ritoccato con Photoshop per diventare nero.

LEGGI ANCHE > TERRORISMO, SMANTELLATA LA RETE IN ITALIA DI ANIS AMRI, L’AUTORE DELLA STRAGE DI BERLINO

Il testo rimarca l’aspetto sarcastico così: «Putin da (volutamente senza accento, ndA) una lezione di giustizia al mondo. L’uomo nella foto a sinistra si chiama Amin Kamya Salouini profugo, immigrato in Russia dal Wakanda. Putin lo ha condannato a 70 anni di lavori forzati in Siberia (a spese dello stato di provenienza) per aver derubato un penzionato (sic!) Russo.“Se vieni in Russia devi rispettare chi ti porge la mano, altrimenti la pena sarà doppia!! Specie se il reato è consumato ai danni di una persona anziana. Tra l’altro non ci risulta che nel Wakanda ci sia una guerra, per cui espelleremo dalla Russia tutti i finti profughi provenienti da quel paese! E se il loro presidente non è d’accordo ci saranno spiacevoli conseguenze. Quindi stiano in campana!”Condividi il gesto di Putin!!!».

 

La card di Putin e Salouini è molto simile al meme col rapper 50 Cent, anche se Matteo Salvini in Italia è ancora più famoso del musicista americano. Wakanda è il nome del fittizio regno africano al centro di uno dei film di maggior successo degli ultimi mesi, Black Panther, e nonostante elementi così scherzosi siano molto visibili decine di migliaia di persone condividono questa card come se fosse una notizia vera. Sconfortante, anche se Non ha stata più la Boldrini promette di essere una divertente pagina satirica.