“Dove va Di Maio senza 90 voti?” Salvini si scontra con il M5S (ma non chiude la porta)

di Redazione | 28/03/2018

Matteo Salvini mandato

In vista delle consultazioni che dovrebbero iniziare subito dopo Pasqua, Matteo Salvini continua lo scontro a distanza con il capo politico del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio.

LEGGI ANCHE > Quando il Pd faceva come i 5 stelle oggi

“Ma da solo Di Maio dove va. Voglio vederlo trovare 90 voti in giro, che dalla sera alla mattina si convincono. E poi 50 voti sono molti meno di 90”, ha commentato il leader del Carroccio l’eventualità che i pentastellati si rechino al Quirinale chiedendo un mandato di governo che, da soli, non potrebbero reggere. “Io dialogo con tutti – ha proseguito Salvini – ma dire ‘io io’ non è il miglior modo di dialogare”.

Il vecchio detto “Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi” sembra tuttavia confermato. Il neo-senatore, infatti, ha aggiunto che incontrerà di persona Di Maio prima di salire al Quirinale.

Il candidato in pectore del Movimento 5 Stelle ha replicato a stretto giro di posta su Twitter: “Salvini dice che gli bastano 50 voti. Vuole fare il governo con i 50 voti del Pd di Renzi in accordo con Berlusconi? Auguri!”

I voti del Pd però al momento non ci sono, anche perché i diretti interessati hanno rifiutato qualsiasi tipo di alleanza, come ha puntualmente precisato il presidente del Partito democratico Matteo Orfini rispondendo a Di Maio.

Intanto il centrodestra, unito il 4 marzo, ha deciso che incontrerà con delegazioni separate il presidente della Repubblica Mattarella. Prospettiva che potrebbe cambiare nel caso si dovesse ricorrere a una seconda consultazione.