Caso Skripal: Stati Uniti e 14 Paesi dell’UE espellono decine di diplomatici russi

di Matteo Garavoglia | 26/03/2018

Skripal

L’ombra lunga dell’avvelenamento dell’ex spia russa Sergei Skripal si allunga sulla Russia e fa scattare un boicottaggio generale su Mosca da parte di buona parte delle potenze mondiali schierate in sostegno al Regno Unito.

LEGGI ANCHE > Caso Skripal. Le trasmissioni di “Russia Today” in bilico a Londra. E Putin si arrabbia

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha deciso di espellere 60 ufficiali dell’intelligence del Cremlino (48 impiegati dell’ambasciata a Washington e 12 inviati alle Nazioni Unite) e, allo stesso tempo, di chiudere il consolato a Seattle. Gli espulsi avranno sette giorni per lasciare gli Stati Uniti.

Si sono mossi anche l’Italia e altri 13 Paesi dell’UE. Roma ha deciso di allontanare due diplomatici russi:

A seguito delle conclusioni adottate dal Consiglio Europeo del 22 e 23 marzo scorso, in segno di solidarietà con il Regno Unito e in coordinamento con partner europei e alleati Nato il ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha notificato oggi la decisione di espellere dal territorio italiano entro una settimana due funzionari dell’ambasciata della Federazione Russa a Roma accreditati in lista diplomatica

Tra i Paesi che hanno varato la linea dura nei confronti di Mosca ci sono la Germania, Francia e Polonia.

La reazione di Vladimir Putin non si è fatta attendere e ha promesso che ci sarà presto una contro-reazione.