cane pozzallo
|

Si parla tanto di Cambridge Analytica ma la gente condivide bufale come questa

«Al Centro di accoglienza di Pozzallo…..(Sicilia) si gioca con arco e frecce, per ammazzare il tempo… SENZA PAROLE!!!
(foto inviata da un nostro fans)». La foto è condivisa con questa didascalia dalla pagina Facebook Minions. Ha raccolto oltre 6 mila condivisioni e migliaia di like. Peccato che l’immagine non sia italianissima: è stata scattata in Cina.

cane pozzallo
Alcuni dei commenti sotto al post in questione

A ricostruire la vicenda, in tempi non sospetti, è stato il debunker David Puente.

La storia è stata riportata anche da diverse siti e testate internazionali, infatti non mancano gli inglesi dell’Express e del Mirror. A diffondere le foto fu la pagina Facebook “China’s Rescues and Shelters 中国大陆和避难所” con il post del 9 dicembre 2016

Il cane è vivo, sta bene ed è stato salvato dagli attivisti. Si tratta di una storia avvenuta in Cina, risalente al 2016 e tirata fuori, in modo completamente falso, da una pagina Facebook che ha oltre 6 mila fan. Un modo che, oltre alla fake news sostanziale, sconfina anche in facili critiche verso l’accoglienza in Italia e il razzismo. Puente ha fatto notare su Twitter come la vecchia immagine sia stata ricondivisa nella giornata di ieri. Con questa nuova adorabile storiella.

Ci lamentiamo dello scandalo Cambridge Analytica, con il sistema del furto dei dati degli utenti, quando in Italia manca un reale progetto di alfabetizzazione digitale. Perché quelle oltre seimila persone sono persone che hanno accesso a una rete, che scelgono, che comprano prodotti nella loro quotidianità, che votano. Sono persone che credono che una foto sia vera solo perché una pagina che seguono condivide la testimonianza di un “fans” (sbagliando tra l’altro la scrittura reale della parola). Sono uomini e donne che con le loro app collegate al loro profilo personale cedono già importanti informazioni sulla loro mail, la loro lista di amici, i loro like. Semplicemente perché cliccano sul test “In quale posto troverai il tuo primo amore”. Quiz più o meno banali, passatempi divertenti o giochini virtuali. Tutti via Facebook. Come questa bufala.