Il Parlamento europeo approva il trasferimento dell’Ema ad Amsterdam (con condizionale)

di Redazione | 15/03/2018

Ema

Il Parlamento europeo ha espresso il proprio parere favorevole con una serie di condizioni al trasferimento dell’Ema (l’agenzia del farmaco europeo) da Londra ad Amsterdam.

LEGGI ANCHE > L’Ema ad Amsterdam con il sorteggio e la rete invoca i rigori o il VAR

Il via libera ha imposto che siano rispettati diversi parametri tra cui l’effettiva realizzazione della struttura dell’Ema nei tempi previsti. “Vogliamo che siano rispettati i tempi perché la continuità operativa dell’Agenzia è la cosa più importante che il Parlamento vuole. La sicurezza dei cittadini in termini di salute passa dalla sua operatività”, ha dichiarato l’europarlamentare Giovanni La Via (area Ppe).

Il rapporto è stato approvato con 507 voti favorevoli. Porta chiusa a Milano? Non proprio. Amsterdam dovrà realizzare la sede provvisoria entro l’1 gennaio 2019 e quella definitiva non più tardi del 16 novembre, fornendo aggiornamenti ogni tre mesi.

“Solo se faranno quello che hanno promesso di fare, manterranno l’Agenzia. Altrimenti bisognerà trovare altre soluzioni – ha continuato La Via – che si riapriranno per tutti, non solo per Milano”.