Come Londra si prepara alla cyber war con Mosca

di Redazione | 14/03/2018

cyber war

I rapporti tra il Cremlino e il Regno Unito sono sempre più tesi dopo l’uccisione dell’ex spia russa Sergei Skripal e sua figlia a Salisbury, nel sud dell’Inghilterra. E se i reali e i ministri inglesi non andranno in Russia per i Mondiali, così come sono stati richiamati 23 diplomatici la guerra potrebbe spostarsi su un altro fronte: la cyberguerra.

LEGGI ANCHE > Il Regno Unito dà un ultimatum alla Russia per l’avvelenamento dell’ex spia russa Skripal

Questa la preoccupazione del Regno Unito, spiegata oggi da Politico. «I russi hanno una vasta capacità su questo fronte, sia le agenzie organizzate dallo Stato che tutti i nuclei mafiosi collegati», ha riferito Keith Simpson, membro del Comitato di Intelligence e Sicurezza in Gran Bretagna. A Londra si stanno preparando da anni per questo tipo di scenario. George Osborne, ex cancelliere del Regno Unito e ora editore del London Evening Standard,  fu vicino a un avanzamento molto importante nel campo della cybersecurity. Correva il lontano 2015, spiegano fonti ben informate a Politico. Ora la difesa british prevede una partnership tra il ministero della Difesa e la principale agenzia di intelligence, il quartier generale delle comunicazioni governative (GCHQ).

Ma basta? No.

Partiamo però da un assunto, ottimista. La Gran Bretagna è  nella “top-class” dei cyber-powers, superata solo dagli Stati Uniti e “alla pari” con la Russia, secondo Alexander Klimburg, direttore del Cyber ​​Policy and Resilience Program al The Hague Center.
A dicembre GCHQ ha rivelato che sta sviluppando uno “spettro completo” di armi cibernetiche. Si parla di schermatura di phishing fino ad attacchi mirati alle identità online degli obiettivi e la chiusura della rete elettrica di una intera città. Dichiarare però “ufficialmente” cyberguerra alla Russia è complicato. Deve esser giustificato a livello internazionale. E creerebbe non pochi imbarazzi con le Nazioni Unite. Ecco perché, scudoni a parte, gran parte di queste armi resteranno, per ora, totalmente inutilizzate.

 

(foto Thierry Roge/Belga via ZUMA Press)