Carlo Cracco sfrattato dall’ex convento dell’Annunciata di Abbiategrasso

di Redazione | 14/03/2018

Carlo Cracco

Carlo Cracco è stato sfrattato dall’ex convento dell’Annunciata di Abbiategrasso, lussuosa struttura che il noto chef aveva utilizzato come sede dell’Ambasciata del Gusto.

Carlo Cracco sfrattato dall’ex convento dell’Annunciata di Abbiategrasso

Come racconta Ferruccio Sansa sul Fatto Quotidiano di oggi mercoledì 14 marzo, Cracco aveva organizzato, su invito del comune di Abbiategrasso, cittadina alla periferia di Milano, attraverso la propria associazione Maestro Martino un progetto culturale, con lo scopo di promuovere la cultura del territorio e il made in Italy attraverso la Cucina d’Autore, proponendo corsi di cucina, eventi e degustazioni legati alla tradizione italiana, con un focus particolare ai prodotti locali. Parole che prendiamo dal sito dell’associazione Maestro Martino, che ospitano ancora le indicazioni per l’Ambasciata del Gusto.

LEGGI ANCHE > LA SETTA CHE SCHIAVIZZAVA I SUOI ADEPTI ATTRAVERSO IL CONTROLLO DELL’ALIMENTAZIONE

Il 15 ottobre del 2017 è però scaduto il contratto di affitto, spiega un consigliere comunale di opposizione, Domenico Finiguerra, che lamenta come Cracco non abbia ancora lasciato la struttura. All’interno dell’ex convento dell’Annunciata di Abbiategrasso ci sono infatti ancora le cucine che servivano per le attività dell’Ambasciata del Gusto. La struttura è particolarmente lussuosa: la ristruttuazione dell’ex convento è costata al comune di Abbiategrasso oltre 10 milioni di euro, e per la sua manutenzione le spese sono nell’ordine dei 200 mila euro l’anno.

L’associazione di Carlo Cracco pagava però un affitto irrisorio, mille euro al mese, dopo che nel primo periodo l’ex convento gli era stato concesso in modo gratuito. Il patto prevedeva un’attività benefica che però Finiguerra denuncia che non sia stata mai fatta. Interrogata da Ferruccio Sansa, l’associazione Maestro Martino conferma di esser stata ospitata, come da accordi con l’amministrazione comunale, gratuitamente presso l’ex convento dell’Annunciata di Abbiategrasso, e di aver pagato un canone adeguato. Allo stesso modo le cucine sono state lasciate all’interno della struttura come da accordi col comune.

 

Il sindaco di Abbiategrasso ha spiegato al Fatto Quotidiano come sarà bandita una gara per l’utilizzo dell’ex convento dell’Annunciata, per rientrare dagli elevati costi di manutenzione.

 

Foto copertina: ANSA/FLAVIO LO SCALZO