Il giornalista che ha parlato del reddito di cittadinanza a Giovinazzo: «Ho scritto ciò che ho verificato»

di Gianmichele Laino | 09/03/2018

reddito cittadinanza Giovinazzo

In questi giorni, la sua versione su quanto accaduto a Giovinazzo è stata più volte messa in dubbio, addirittura etichettata come fake news. Tuttavia, Mino Ciocia – giornalista de La Gazzetta del Mezzogiorno – ha semplicemente documentato un episodio che è diventato di rilevanza nazionale in seguito ad alcune «letture» politiche. Ma quanto descritto dal cronista – le decine di persone che nella cittadina pugliese si sono recate presso i Caf per chiedere notizie circa il reddito di cittadinanza – corrisponde a verità.

LEGGI ANCHE > Giovinazzo, le richieste al Caf per il reddito di cittadinanza non erano una bufala

REDDITO CITTADINANZA GIOVINAZZO, LA VERSIONE DEL GIORNALISTA DE LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO

«Non c’è nulla di strano – ha affermato Ciocia ai microfoni di Giornalettismo -: ho fatto quello che ho sempre fatto con altre notizie. Si viene a conoscenza di un fenomeno e si fanno le opportune verifiche per capire se è vero o meno. Il nostro direttore Giuseppe De Tommaso ci aveva chiesto se avevamo avuto sentore di queste visite ai Caf a proposito del reddito di cittadinanza: la sua è stata una intuizione che, alla verifica dei fatti, si è rivelata corretta. Così siamo arrivati per primi su questa notizia».

Dalle pagine della cronaca locale, alle aperture dei principali siti di informazione mainstream. Nel corso della mattinata di ieri c’è stata la dichiarazione del sindaco di Giovinazzo Tommaso Depalma che ha rincarato la dose dal punto di vista politico, sostenendo che i cittadini siano «ammaliati» dalle promesse elettorali del Movimento 5 Stelle. Poi, il quotidiano La Repubblica ha parlato di un fenomeno del genere anche a Bari, esagerando – probabilmente – nei toni: «È vero che il gestore del centro dell’impiego di Bari – ha affermato Ciocia – ha voluto ridimensionare l’accaduto. Però ha anche detto che ci sono cinquanta persone che sono andate a chiedere informazioni. In più sto raccogliendo notizie di fenomeni analoghi a Palermo (dove è spuntato un cartello scritto in arabo per dissuadere gli utenti a richiedere i moduli per il reddito di cittadinanza, ndr), a Napoli, in Calabria. L’ultima segnalazione mi è arrivata da Ortona».

REDDITO CITTADINANZA GIOVINAZZO, NON C’È DISCRIMINAZIONE TERRITORIALE

Il dato, insomma, è evidente. Così come è evidente che ci siano delle persone che cercano di aggrapparsi alle promesse elettorali fatte prima del voto del 4 marzo. Ma attenzione a etichettare il fenomeno come circoscritto al meridione: «Qualcuno ha detto che la Gazzetta del Mezzogiorno ha contribuito alla discriminazione territoriale? Lo possiamo assolutamente smentire. Le elezioni ci hanno restituito un’Italia divisa a metà: nel sud hanno attirato le promesse del Movimento 5 Stelle, ma al nord è avvenuta la stessa cosa con il centro-destra che ha proposto la flat-tax. Non è anche quella una forma di assistenzialismo?».