CasaPound
|

CasaPound esulta per l’appoggio di Diego Fusaro, che neppure li vota

CasaPound ha celebrato come una dichiarazione di voto alle elezioni politiche una dichiarazione di Diego Fusaro molto ambigua, che in una intervista di presentazione del proprio movimento ha dato la sua opinione sul rinnovo del Parlamento di domenica 4 marzo.

CasaPound esulta per l’appoggio di Diego Fusaro, che neppure li vota

CasaPound Italia, sul suo profilo Twitter, ha condiviso in modo entusiasta l’intervista che il ricercatore di filosofia ha concesso al sito Affaritaliani prima del voto. In questo colloquio tra Fusaro e il portale c’è un vago appoggio a tutte le forze che lottano contro il sistema capitalista e quella che l’opinionista sovranista chiama talassocrazia finanziaria cosmopolita.

LEGGI ANCHE > LO STRAORDINARIA GENEROSITÀ DI MERTENS, IL CAMPIONE NEI CANILI E NEGLI OSPEDALI | VIDEO

«Sono molto indipendente nelle mie posizioni e appoggio incondizionatamente tutti i movimenti che nuocciono di più ai vertici dell’aristocrazia finanziaria. Quindi, indistintamente, dai comunisti di Marco Rizzo a CasaPound di Simone Di Stefano, passando per tutti i movimenti non allineati e stigmatizzati dal sistema», dice Fusaro al direttore di Affaritaliani Angelo Perrino. Non c’è quindi una vera e propria dichiarazione di voto, come invece propaganda CasaPound sul suo profilo Twitter: «A sorpresa l’endorsement di Diego Fusaro per CasaPound, vera forza antisistema.#OraVotoCasaPound». 

 

Endorsement è il termine inglese utilizzato  per tradurre indicazione di voto. In campagna elettorale tutto fa brodo, ma è curioso che un movimento di estrema destra, che rivendica la continuità col fascismo, mostri un simile entusiasmo per chi dice di sostenere tanto CasaPound quanto i comunisti come Marco Rizzo. Fusaro ha semplicemente ribadito quanto sostiene da molto tempo, ovvero che appoggia tutti quei movimenti anti globalizzazione, in senso vago e non strettamente elettorale.