Commovente Goggia con l’avversaria svizzera: «Ero in sedia a rotelle e tu mi hai dato il tuo biglietto in business» | VIDEO

di Gianmichele Laino | 21/02/2018

Sofia Goggia Michelle Gisin

Sofia Goggia non ha solo una medaglia d’oro appesa al collo, ma anche il cuore. Nell’immediato dopo-gara, in seguito alla sua straordinaria discesa libera a PyeogChang 2018 che ha regalato il terzo titolo olimpico all’Italia in questa edizione dei Giochi, è stata protagonista di un toccante siparietto con un’avversaria, la campionessa uscente Dominique Gisin (Svizzera).

LEGGI ANCHE > PyeongChang 2018, il risveglio d’oro di Sofia Goggia

Nel corso di un’intervista per RSI, la Goggia ha strappato il microfono alla cronista che si era preparata alcune domande e si è lasciata andare a un monologo della memoria. «Era il dicembre del 2013 – ha detto Sofia Goggia – e io mi ero rotta il ginocchio a Lake Louis. All’aeroporto io ero in una sedia a rotelle e avevo un biglietto di Economy. Mi sento picchiettare sulla spalla, mi volto e vedo Dominique Gisin che, all’epoca, non conoscevo personalmente. Mi ha dato il suo ticket di Business Class e mi ha detto ‘è giusto che lo prenda tu’».

SOFIA GOGGIA DOMINIQUE GISIN, GUARDA IL VIDEO

Poi, Sofia Goggia ha di fatto registrato un passaggio di consegne: «Nel 2014 ho commentato la tua medaglia d’oro da uno studio Sky. Ora siamo qui e io sto vincendo la discesa libera». Le ultime parole sono state interrotte dai singhiozzi di Sofia Goggia che si è sciolta in un abbraccio liberatorio con la stessa Gisin che stava assistendo in prima persona all’intervista.

SOFIA GOGGIA DOMINIQUE GISIN, OVVERO LO SPIRITO OLIMPICO

Una scena meravigliosa, che incarna perfettamente lo spirito olimpico. C’è un grande affiatamento nel Circo Bianco, come dimostrato dalle gag di Goggia con la campionessa statunitense Lindsey Vonn. Ma parole come quelle della bergamasca davanti alle telecamere di una emittente internazionale danno l’esatta dimensione della grande famiglia dello sci. Dove le distanze si annullano e l’agonismo si limita esclusivamente a quel minuto e quaranta della gara.