Giulia Sarti denuncia ancora il fidanzato dopo la vicenda dei rimborsi e delle sue foto hard in rete

di Redazione | 20/02/2018

Giulia Sarti

Si tratta probabilmente di una delle peggiori settimane della vita di Giulia Sarti. Prima Le Iene la tirano in ballo nella questione dei mancati rimborsi dei parlamentari del Movimento 5 Stelle, poi lei accusa il fidanzato Bogdan Andrea Tibushe di aver utilizzato quei soldi che lei credeva versati nel fondo per il microcredito alle imprese, infine sul web compaiono delle sue foto hard.

LEGGI ANCHE > Rimborsopoli, Giulia Sarti denuncia l’ex per i mancati versamenti

GIULIA SARTI, LA VICENDA DELLE FOTO HARD

Su quest’ultima vicenda, in modo particolare, si è concentrata l’attenzione dei media: gli scatti circolavano in rete già dal 2013, frutto di un attacco hacker, e la ritraevano in scene di nudo. Proprio grazie a Bogdan Andrea Tibushe erano state rimosse e ora – strana coincidenza – sono comparse di nuovo. Il fidanzato era già stato denunciato dalla Sarti all’indomani della scoperta della vicenda sui mancati rimborsi. Lui aveva minacciato di rivelare le conversazioni private tra i due per certificare che la parlamentare del Movimento 5 Stelle conosceva perfettamente il percorso di quel denaro.

Ora, la Sarti si è presentata nuovamente davanti alle forze dell’ordine per mettere nero su bianco una integrazione alla sua precedente denuncia. La minaccia di Bogdan Andrea Tibushe di rivelare queste conversazioni, infatti, è stata interpretata come una vera e propria intimidazione che, per questo motivo, è stata fatta presente agli investigatori.

GIULIA SARTI, LE INDAGINI DEGLI INVESTIGATORI

In queste ultime ore, tutto il materiale a disposizione del fidanzato di Giulia Sarti è a disposizione dei periti che stabilirannole responsabilità in questa vicenda. Per quanto riguarda la diffusione delle immagini hard, invece, Bogdan Andrea Tibushe – conosciuto anche con lo pseudonimo di Andrea De Girolamo – ha affermato di non avere nulla a che fare con la loro ricomparsa sul web. Spetterà agli inquirenti coordinati dal sostituto procuratore Davide Ercolani fare chiarezza anche su questo aspetto.

(FOTO: ANSA/SANDRO CAPATTI)