Cecilia Rodriguez difende Francesco Monte dagli attacchi di Eva Henger: «Non criminalizzo chi si fuma una canna»

di Andrea Mollica | 15/02/2018

Cecilia Rodriguez

Cecilia Rodriguez ha difeso il suo ex fidanzato Francesco Monte dagli attacchi di Eva Henger, che l’aveva accusato di aver portato marijuana in Honduras e aver fumato alcune canne durante la preparazione all’Isola dei Famosi, invitandolo perfino a farsi curare per una assurda dipendenza da droghe leggere.

Cecilia Rodriguez difende Francesco Monte dagli attacchi di Eva Henger: «Non criminalizzo chi si fuma una canna»

In un colloquio con Chi Cecilia Rodriguez ha mostrato una ragionevolezza e saggezza notevoli, con parole assai condivisibili in merito a un clima proibizionista sempre più inquietante nella TV italiana. «Sono dell’idea che non bisogna giudicare le persone. Eva ha detto che Francesco dovrebbe curarsi? Che si andasse a curare lei, Francesco è un ragazzo perbene, sono altre le cose da curare, non criminalizzo chi si fuma una canna e mi dispiace che sia uscito dall’Isola perché gli avrebbe cambiato la vita», ha detto la showgirl argentina come riporta anche Bitchy F.

LEGGI ANCHE > BEATRICE NASO È MORTA

La vicenda delle presunte canne fumate da Francesco Monte all‘Isola dei Famosi, da lui sempre smentite, ha assunto dimensioni inquietanti vista la colpevolizzazione del consumo di droghe leggere. In Italia l’uso della cannabis è depenalizzato, anche se resistono purtroppo sanzioni amministrative e neanche in questa legislatura si sono fatti passi avanti verso la legalizzazione delle droghe leggere. Che sarebbe benvenuta, come già è avvenuto in diversi Paesi, come  in diversi Stati degli Usa, Uruguay o Portogallo, senza nessuna delle conseguenze catastrofiche previste dai proibizionisti.

 

Mediaset in questi ultimi mesi ha lanciato una sorta di campagna mediatica contro l’uso della cannabis in programmi seguiti da un pubblico giovane. Prima ad Amici e poi all’Isola dei Famosi due concorrenti sono stati esclusi per essersi fumati qualche canna. Le parole di  Cecilia Rodriguez appaiono un raggio di ragionevolezza nel plumbeo proibizionismo che arriva dalla TV di queste ultime settimane.