Chi ha approfittato di Pamela prima della sua morte: un italiano ha fatto sesso con lei in cambio di soldi

di Redazione | 06/02/2018

Pamela Mastropietro

Provate a immaginare la scena. Una diciottenne, confusa e smarrita, è appena scappata via dalla comunità che la ospitava. Da Corridonia si sta recando verso Macerata. In quel momento viene avvicinato da un 45enne del posto, in macchina. Invece di prestarle soccorso, invece di capire le ragioni della sua fuga, invece di proteggerla insomma, le offre denaro in cambio di sesso.

LEGGI ANCHE > Pamela Mastropietro non è stata uccisa da Innocent Oseghale secondo il gip di Macerata

PAMELA MASTROPIETRO, LA RICOSTRUZIONE DEI CARABINIERI

La ricostruzione è stata fatta dai carabinieri che indagano sulla morte di Pamela Mastropietro, la ragazza ritrovata senza vita a Macerata. Analizzando i filmati di alcune telecamere di video-sorveglianza, infatti, gli investigatori hanno appurato che una tappa del percorso che da Corridonia ha portato Pamela fino a Macerata si è consumata in quel modo.

L’incontro tra i due – confermato dal 45enne della zona – è avvenuto il 29 gennaio, appena dopo la fuga della ragazza dalla comunità di recupero. Dopo l’incontro di natura sessuale, l’uomo l’ha accompagnata alla stazione di Piediripa, dove l’ha vista per l’ultima volta.

PAMELA MASTROPIETRO, UNA RESPONSABILITÀ CONDIVISA

Questo elemento, se possibile, aggiunge ancora altro mistero alla scomparsa della ragazza. La notizia si accompagna anche alla conferma del fermo di Innocent Oseghale per il quale, però, non viene più contestata l’accusa di omicidio. I capi di imputazione per lo spacciatore sono quelli di vilipendio e occultamento di cadavere.

Il caso di Pamela Mastropietro aveva fatto partire la spirale d’odio nei confronti dei migranti ospitati nella zona di Macerata, culminata poi con la sparatoria di Luca Traini che ha ferito sei persone di colore. Ora, con ogni probabilità, le responsabilità per quanto accaduto alla ragazza vanno completamente riviste. E nessuno degli attori tirati in ballo può dirsi completamente estraneo alla sua morte.