mediapro
|

Serie A, diritti tv a Mediapro: cosa succede agli abbonati Mediaset e Sky

La notizia che ha spiazzato un po’ tutti è l’acquisizione dei diritti televisivi per il campionato di Serie A (negli anni 2018-2021) all’agenzia spagnola Mediapro, che ha letteralmente sparigliato le carte nel tradizionale duopolio Sky-Mediaset. L’offerta è stata accettata dalla Lega Calcio che ha venduto agli spagnoli i diritti del nostro campionato per la cifra di 1 milardo e 50 milioni di euro. Ora, un grande colosso – che in Italia però era sconosciuto ai più – rischia di modificare gli standard dell’offerta calcistica televisiva degli ultimi anni.

LEGGI ANCHE > Diritti tv, l’Antitrust ha bocciato l’assegnazione per il 2018-2021

MEDIAPRO, COME CAMBIA LA DISTRIBUZINE DEI DIRITTI TV IN ITALIA

Cosa faranno ora gli abbonati Sky e Mediaset (specialmente quelli che hanno già sottoscritto un contratto pluriennale con queste emittenti)? Dovranno buttare via decoder e digitale terrestre? Dovranno chiedere la rescissione del contratto per inadempienza dell’azienda? Niente di tutto questo.

Per l’utente, infatti, le cose dovrebbero restare più o meno invariate. Innanzitutto, bisognerà attendere l’esito definitivo del bando. Già Sky, ad esempio, ha annunciato ricorso, sostenendo che l’offerta di Mediapro sia inammissibile e che la Lega debba escludere gli spagnoli dall’asta. Ma anche se le cose restassero così come sono ora, gli abbonati dovrebbero essere salvi.

Mediapro, infatti, è un’agenzia che distribuisce i servizi di cui dispone. Dunque, Sky e Mediaset diventerebbero piattaforme che ripeterebbero il segnale di Mediapro. Come accade in Spagna, ad esempio: qui Mediapro è titolare dei diritti televisivi e li vende abitualmente a BeIN Sports che, a sua volta, li distribuisce agli abbonati. Le cose, invece, potrebbero cambiare riguardo al prodotto offerto: Mediapro, infatti, starebbe addirittura reclutando telecronisti e giornalisti italiani per migliorare il suo pacchetto.

MEDIAPRO, NOVITÀ SUI CONTENUTI?

Nel caso in cui si confermasse la decisione presa oggi dalla Lega Calcio, dunque, Mediapro produrrebbe delle trasmissioni originali, basandosi su proprie forze e spazzando via – dunque – la concorrenza di Sky e Mediaset. Queste ultime, infatti, trasmetterebbero sì le partite di calcio, ma in contenitori in cui lo spazio destinato alle loro testate potrebbe essere sempre minore.

MEDIAPRO, NOVITÀ NELLA DISTRIBUZIONE SU INTERNET

Un altro cambiamento, poi, potrebbe riguardare anche la distribuzione delle partite di calcio su internet. Al momento, infatti, lo streaming è compreso nei pacchetti Sky e Mediaset (SkyGo e Premium Play): tuttavia, la presenza di un nuovo operatore come Mediapro potrebbe favorire l’inserimento nelle trattative anche di nuovi player della distribuzione. Insomma, una rivoluzione ci sarà. Difficile che, al momento, riguardi le tasche dei consumatori che sono già titolari di abbonamenti Sky e Mediaset. Tuttavia, le sorprese restano sempre dietro l’angolo.