Macerata, Luca Traini spara da un’auto in corsa e ferisce quattro migranti

di Redazione | 03/02/2018

macerata

A Macerata una persona ha sparato da un’auto in corsa e ha ferito sei migranti, di cui quattro ricoverati in ospedale. Il sindaco e la polizia di Stato hanno invitato tutti i residenti a non uscire di casa durante l’azione che ha una chiara matrice di estrema destra. Da una macchina di colore nero sono stati esplosi numerosi colpi di pistola in vari punti della città all’indirizzo di persone di origini africane. Il responsabile del crimine è stato arrestato dopo che aveva fatto il saluto fascista e si era avvolto in una bandiera italiana davanti al monumento in onore ai caduti. Secondo le prime informazioni si tratterebbe di un estremista di destra, che si chiama Luca Traini. Nel 2017 si era candidato con la Lega Nord.

LEGGI ANCHE > La colossale bufala di Luca Traini innamorato di Pamela Mastropietro

MACERATA, IL FERMO DI LUCA TRAINI | VIDEO

FORZA NUOVA STA CON LUCA TRAINI: «CI SCHIERIAMO CON LUI»

Il gesto potrebbe essere una vendetta per l’omicidio di Pamela Mastropietro, giovane di Roma fatta a pezzi probabilmente da uno spacciatore nigeriano, al momento indagato per il suo omicidio. Durante la sparatoria dell’estremista di destra Il sindaco Romano Carancini, dal suo profilo Facebook aveva invitato tutti i cittadini a restare a casa. Restate tutti in casa fino a nuova comunicazione. «C’è un uomo armato in auto che sta sparando in Città. Abbiamo fermato il trasporto pubblico. Abbiamo chiesto alle scuole di tenere i bambini all’interno fino a nuova comunicazione. Si consiglia di non muoversi per andare a prenderli fino a nuova comunicazione».

Macerata

La Polizia di Stato su Twitter scrive: «Operazione di polizia in corso. Restate al riparo, evitando luoghi all’aperto. Sono stati esplosi colpi di arma da fuoco e ci sono feriti».

 

(in copertina il fermato Luca Traini ANSA)