Pulcini tritati vivi nel grande incubatoio italiano | VIDEO

di Gianmichele Laino | 31/01/2018

Pulcini tritati vivi

Alcuni pulcini, ammassati su grandi nastri, saranno destinati agli allevamenti di pollame. Altri, quelli più deboli e con malformazioni, saranno tritati vivi. Queste immagini shock sono state girate da Esseri Animali, che ha denunciato – con un documentario davvero forte – le condizioni in cui versano centinaia di pulcini.

LEGGI ANCHE > Maltrattamenti di animali nel Regno Unito: arriva l’obbligo di telecamere nei macelli

PULCINI TRITATI VIVI, GUARDA IL VIDEO DI ESSERE ANIMALI

«Un’infiltrata dell’associazione ha lavorato in una grande azienda italiana e ha filmato con una telecamera nascosta il primo giorno di vita dei pulcini, gettati sopra rulli industriali e maneggiati brutalmente – spiegano gli attivisti di Essere Animali -. A migliaia muoiono o rimangono incastrati con le zampe nei macchinari, ma i ritmi di lavoro non consentono alle operaie di prestar loro la minima cura. I pulcini deboli e feriti sono tritati vivi in un maceratore».

PULCINI TRITATI VIVI, LE PRATICHE PREVISTE DALLA LEGGE

Si tratta delle tristi modalità di azione che vengono quotidianamente praticate in uno dei più grandi incubatoi italiani. Vale a dire, il luogo dove vengono portate migliaia di uova per la schiusa, che avviene in forni a temperatura controllata. Mentre gli animali sani prenderanno la strada verso gli allevamenti, quelli che presentano dei problemi vengono barbaramente eliminati.

Il problema è che questa procedura – la triturazione da vivi, appunto – è prevista dalla legge: la normativa sulla protezione degli animali durante l’abbattimento (Regolamento CE n. 1099/2009) sottolinea come si debba «procurare la morte istantanea degli animali». Tuttavia, secondo gli attivisti di Essere Animali, l’eliminazione dei pulcini avvenga in maniera tutt’altro che indolore, dal momento che spesso questi animali aspettano diverso tempo prima di essere uccisi.