Sara Cunial
|

Sara Cunial, la no vax confermata capolista per il M5S in Veneto

Sara Cunial è stata inserita nelle liste del Movimento 5 Stelle per le prossime elezioni politiche del 4 marzo. L’imprenditrice agricola è stata confermata nell’iniziale posizione di capolista dopo che il suo nome era stato cancellato per un post su Facebook in cui aveva definito i vaccini un genocidio.

Sara Cunial, la no vax confermata capolista per il M5S in Veneto

Nelle liste definitive però Sara Cunial è in prima posizione nella circoscrizione proporzionale plurinominale Veneto 2 -02 della Camera dei Deputati, che corrisponde al territorio di Bassano del Grappa. La Stampa, il quotidiano che aveva per primo notato il controverso post su Facebook che aveva portato alla temporanea cancellazione della candidata, ha raccolto la spiegazione dei vertici del Movimento 5 Stelle in merito alla conferma della corsa dell’imprenditrice agricola.

«È stata riammesse perché ha accettato la linea del Movimento 5 Stelle sui vaccini, quello che è successo prima non ci interessa», riporta il quotidiano di Torino attribuendo la dichiarazione ai vertici del M5S Veneto. Sara Cunial aveva scritto sul proprio profilo Facebook in occasione del Giorno della Memoria un asssurdo paragone tra l’eugenetica nazista e la vaccinazione contro l’influenza.

LEGGI ANCHE > DINO GIARRUSSO AL POSTO DELL’AMMIRAGLIO VERI PER I 5 STELLE

«Genocidio gratuito. Ricorda molto la politica di alcuni anni fa che prevedeva l’eutanasia di massa che doveva portare a una rigenerazione genetica. In primo luogo doveva investire neonati e bambini malformati e portatori di gravi handicap fisici e mentali, successivamente gli adulti..lI reali contorni dell’operazione furono mantenuti strettamente riservati e segreti con la complicità di medici e personale sanitario. Le case di cura vennero riadattate con impianti per inalazioni di gas tossici e forni crematori per smaltire cadaveri ed impedire eventuali ricerche sulle cause della morte da parte delle famiglie dei malati. Anche allora  il servizio fu reso completamente gratuito».

Dopo questo post, che era stato condiviso online da Vincenzo Clemeno, Sara Cunial aveva prima ristretto la sua privacy su Facebook, per poi cancellare il profilo.

TAG: M5S