L’inchiesta per violenza privata contro Francesco Nozzolino dopo il blitz alla conferenza di Adinolfi

di Redazione | 15/12/2017

Adinolfi Nozzolino violenza privata

Ricordate il blitz dello youtuber Francesco Nozzolino alla conferenza di Mario Adinolfi a Novara? Bene, secondo quanto riportato da Facebook dal leader del Popolo della Famiglia, quel gesto sarebbe oggetto di un’inchiesta della procura di Novara che starebbe indagando d’ufficio per violenza privata.

LEGGI ANCHE > Mario Adinolfi e la «grave molestia» di Francesco Nozzolino durante un convegno del Popolo della Famiglia | VIDEO

ADINOLFI NOZZOLINO VIOLENZA PRIVATA, ECCO IL POST

«Ho avuto comunicazione dalla Digos – ha scritto Mario Adinolfi su Facebook – che la procura di Novara ha aperto d’ufficio una inchiesta sulla vicenda dell’aggressione subita sul palco in quella città durante la presentazione di OCOM. L’ipotesi di reato a carico dei responsabili è: violenza privata».

Mentre stava facendo da relatore a un convegno, Mario Adinolfi è stato raggiunto sul palco da un Francesco Nozzolino semi-nudo, che lo ha accarezzato e abbracciato per alcuni secondi prima di essere allontanato da altre persone presenti in sala.

ADINOLFI NOZZOLINO VIOLENZA PRIVATA, GUARDA IL VIDEO DELL’EPISODIO INCRIMINATO

Mario Adinolfi, in ogni caso, si è mostrato «clemente» con lo youtuber: prima ha parlato, a caldo, di una «grave molestia» subita, ma poi ha rinunciato ad andare avanti con qualsiasi iniziativa legale. Circostanza che, tra l’altro, è stata confermata anche nel suo post su Facebook: «Ci tengo a dire che pur pressato e richiesto, io non ho voluto sporgere denuncia per tutelare quei poverini. Ai magistrati che mi ascolteranno come parte lesa dirò che provo solo pena per gli autori della carnevalata. Farò di tutto affinché non siano puniti».

Il leader del Popolo della Famiglia, comunque, si è detto soddisfatto per il fatto che sia stata riconosciuta la violenza subita: «Resta il fatto che le mani addosso non si mettono, che quella che ho subito è una violenza e sono lieto che ci sia un giudice a Novara che lo ha riconosciuto d’ufficio». In più, non ha perso l’occasione per comporre un bel manifestino – con tanto di foto della presunta «violenza» – e per utilizzarlo come post di propaganda sui social network. Il magnanimo Adinolfi.