Gianluigi Donnarumma
|

Gianluigi Donnarumma piange e a San Siro e viene consolato da Leonardo Bonucci

Gianluigi Donnarumma piange a San Siro dopo le contestazioni dei tifosi. Il portiere del Milan è scoppiato a piangere negli spogliatoi dopo la partita contro il Verona di Coppa Italia, caratterizzata da cori e striscioni rivolti contro il numero uno per aver tentato di annullare il contratto che lo lega alla società rossonera per violenza morale. La Curva Sud del Milan ha esposto uno striscione molto duro contro Gianluigi Donnarumma. «Violenza morale  6 milioni l’anno e l’ingaggio di un fratello parassita? Ora vattene la pazienza è finita!».

Gianluigi Donnarumma

Gianluigi Donnarumma piange e a San Siro | FOTO

 

Gianluigi Donnarumma

Quando lo speaker di San Siro ha citato il nome del portiere i tifosi l’hanno coperto di fischi, e sono partiti diversi cori denigratori nei suoi confronti. In diverse occasioni si è visto Donnarumma piangere per la contestazione. Prima inquadrato dalle telecamere della Rai, e poi in una foto negli spogliatoi condivisa dal giornalista de L’Espresso Nonleggerlo. Nell’immagine messa su Twitter e Facebook da Nonleggerlo e tratta da Rai Uno si nota Gianluigi Donnarumma in lacrime consolato dal capitano del Milan, Leonardo Bonucci. Il difensore della Nazionale ha stretto tra le sue braccia il compagno di squadra sia in campo e negli spogliatoi, dove l’ha consolato in quello che appare come un pianto a dirotto. Donnarumma ha subito una dura contestazione dopo che il Corriere della Sera ha rivelato come il suo procuratore Mino Raiola abbia chiesto al Milan l’annullamento del contratto per violenza morale.

 

LEGGI ANCHE > ERALDO PECCI: «I CALCIATORI AFRICANI HANNO NEL DNA QUESTA MANCANZA DI CONCENTRAZIONE»

Secondo il legale di Raiola il portiere rossonero avrebbero firmato un ricco aumento, che ha portato la sua retribuzione da 100 mila euro l’anno a 6 milioni di euro netti circa, in un contesto di pressioni psicologiche che renderebbero annullabile il contratto secondo il codice civile. Se mai fosse confermata da un tribunale la violenza civile il Milan perderebbe Donnarumma a parametro zero, anche se la stategia del suo procuratore appare orientata a chiedere un significativo sconto in caso di cessione.  La società si è schierata comunque col suo giocatore. L’allenatore Gennaro Gattuso ha rimarcato come Donnarumma non sia un mostro, mentre il direttore sportivo del Milan Mirabelli ha rimarcato come il portiere sia un ragazzo eccezionale, legato al Milan da un contratto fino al 2021. Critiche sono state rivolte invece verso la strategia aggressiva di Mino Raiola.

Foto copertina: profilo Twitter di Nonleggerlo