Siamo nell’epoca in cui il sindaco di Catanzaro può vietare ai bambini di giocare in piazza

di Redazione | 31/10/2017

ordinanza catanzaro anti-bambini

Non lamentiamoci, poi, se i ragazzini di oggi si comportano in maniera apatica e asociale, se stanno sempre con gli occhi fissi sullo schermo di uno smartphone e se sono restii a uscire all’aria aperta. Se addirittura i sindaci emettono ordinanze per vietare ai bambini di giocare nelle strade della città, significa che davvero non c’è più speranza. È quanto successo a Catanzaro: il primo cittadino Sergio Abramo aveva stabilito «il divieto di praticare attività ludico-sportive di qualsiasi genere nelle vie e piazze di tutto il territorio».

LEGGI ANCHE > Nella scuola di Mirandola succede di tutto: cestino in faccia alla prof | VIDEO

SINDACO CATANZARO ORDINANZA ANTI-BAMBINI, GLI SVILUPPI

L’esponente di Forza Italia, secondo le prime ricostruzioni, avrebbe raccolto le lamentele di alcuni cittadini bisognosi di «una maggiore tranquillità nel centro cittadino». Da qui, la decisione di scegliere quella che, ormai, è diventata per tutti «l’ordinanza anti-bambini». Dopo le polemiche che hanno animato la giornata di ieri, tuttavia, il sindaco sembra intenzionato a tornare sui propri passi e a ritirare, di conseguenza, l’ordinanza stessa.

Mentre alcune amministrazioni e associazioni si sforzano – attraverso l’istituzione di festival di giochi di strada, ad esempio – di rianimare piazze e vicoli, a Catanzaro si era cercato di andare in controtendenza. Ma le pressioni di Partito Democratico e Movimento 5 Stelle – sia attraverso l’attività sul territorio, sia sfruttando i canali social – evidentemente sono state utili a permettere all’amministrazione comunale di rivedere la propria posizione.

SINDACO CATANZARO ORDINANZA ANTI-BAMBINI, LA POSIZIONE DI PD E M5S

«Giocare per strada è ufficialmente vietato – avevano fatto sapere dai circoli PD -, praticare sport in strutture pubbliche è ufficialmente impossibile, per cui oggi con inedita lungimiranza il sindaco ci propone di barricarci in casa e inchiodare i bambini catanzaresi al divano». Netta era stata anche la presa di posizione dei grillini che hanno parlato di «ordinanza vergognosa» e che hanno chiesto che i piccoli cittadini catanzaresi potessero «socializzare giocando per le vie di una città che è già abbastanza triste e vuota a causa della gestione Abramo».

(FOTO da profilo Facebook Leone Fasani)