Con l’app PeakVisor si scoprono i nomi di tutti i picchi attorno a noi | Viaggiare Informatici

Andrea Petroni di Vologratis e Edoardo Maltauro e Martina Intragano di @edoardoandmartina ci hanno raccontato di PeakVisor, app da provare per chi ama la montagna

12/07/2022 di Ilaria Roncone

Chi ama la montagna sa bene che cosa può offrire anche a seconda delle stagioni: panorami, aria buona, trekking a volontà e cibo in abbondanza. Abbiamo scelto di parlare di montagna e di PeakVisor, app imperdibile per chi ama viaggiare tra i picchi, grazie all’intervista che Andrea Petroni di Vologratis ha fatto ai travel creator Edoardo Maltauro e Martina Intragano di @edoardoandmartina su Instagram. In particolare, rispetto al trekking, i periodi migliori per lanciarsi in questa esperienza (che sia o meno la prima volta) sono piena primavera e autunno «però alla fine – ci tiene a sottolineare Maltauro – ogni stagione ha il suo fascino». Vediamo insieme perché scaricare PeakVisor e in cosa questa applicazione tornerà utile a chiunque voglia capire bene dove si trova e non perdersi neanche il nome del più piccolo picco che vede a seconda del panorama che sta osservando.

LEGGI ANCHE >>> L’app Cose di Napoli per un tour culinario guidato della città | Viaggiare Informatici

L’app PeakVisor per individuare tutti i picchi attorno

Si tratta di un’applicazione che chi ama il trekking conosce sicuramente e che a coloro che vogliono iniziare a camminare in montagna può tornare estremamente utile. «Noi la conosciamo bene e la portiamo nei nostri trekking», ha confermato Intragnano, evidenziando come permette di avere tutti i picchi delle montagne a portata di msartphone. Cosa vuol dire e come funziona? Ci sono mappe 3D che funzionano anche offline «in determinate zone ed è utile quando siamo in posti sperduti senza l’accesso a internet».

La grande forza dell’applicazione è che permette – inquadrando con la fotocamera i picchi attorno a sé e tramite la geolocalizzazione – di conoscere tutti i nomi dei picchi che circondano chi la usa. E non solo per le escursioni sul momento ma anche per le passate escursioni: «Abbiamo provato questa funzione con delle vecchie foto e funziona molto bene anche in quel caso». Mai più sperduti sui cucuzzoli della montagna, è il caso di dirlo, e in bocca al lupo a tutti gli amanti del trekking e della montagna.

Share this article