Anche l’Inter ha il suo Conte-bis

Trovato l'accordo tra l'allenatore e la società

25/08/2020 di Redazione

Antonio Conte

Il 2019 è stato l’anno del Conte-bis in politica. Di questi tempi (sembra passato un secolo) si stava consumando il passaggio dalla precedente maggioranza M5S-Lega a quella formata dai pentastellati e dal Partito Democratico. Il filo conduttore è stato la presenza di Giuseppe Conte che, all’inizio di settembre, ha varato il suo nuovo governo, il Conte-bis appunto. 365 giorni dopo, c’è un altro Conte-bis, ma questa volta non stiamo parlando di esecutivo, ma di campionato di calcio: Antonio Conte ha trovato l’accordo per proseguire la sua avventura all’Inter.

LEGGI ANCHE > Antonio Conte e i dubbi sul futuro: «Idee diverse tra me e l’Inter»

Antonio Conte resta all’Inter

«L’incontro di oggi tra il Club e Antonio Conte è stato costruttivo – si legge nel comunicato dell’Inter -, nel segno della continuità e della condivisione della strategia. Con esso sono state stabilite le basi per proseguire insieme nel progetto». Dunque, anche l’anno prossimo l’allenatore salentino sarà seduto sulla panchina nerazzurra.

Antonio Conte aveva chiesto garanzie principalmente tecniche sulla natura del progetto, dopo la sconfitta nella finale di Europa League contro il Siviglia. Al termine di quella partita, il mister aveva pronunciato qualche frase criptica sul suo futuro, che aveva lasciato aperta la porta a una risoluzione del contratto con i nerazzurri. Evidentemente, nell’incontro di oggi – avvenuto in una villa fuori Milano – con il presidente dell’Inter Steven Zhang, alla presenza di tutto lo stato maggiore della società, Antonio Conte ha ottenuto le risposte desiderate.

E così sarà Conte-bis. Con uno schieramento diverso? Dipenderà dal mercato: l’anno scorso, il presidente del Consiglio ha dovuto faticare molto per mettere insieme una nuova maggioranza; quest’anno l’allenatore dell’Inter dovrà intervenire, tra suggerimenti di mercato e modifiche tattiche, per evitare una stagione priva di trofei come quella 2019/2020. Avrà la maggioranza?

Share this article