Andrea Rinaldi, il giovane calciatore colpito da un aneurisma cerebrale, non ce l’ha fatta

di Enzo Boldi | 11/05/2020

Andrea Rinaldi
  • Il 19enne era stato ricoverato venerdì pomeriggio in gravi condizioni

  • Andrea Rinaldi si è spento questa mattina nell'ospedale di Varese

  • Era stato colpito da un aneurisma cerebrale durante un allentamento in casa

Il mondo del calcio è in lutto per la morte del giovane centrocampista Andrea Rinaldi. Il 19enne, in prestito dall’Atalanta al Legnano Calcio, era stato colpito da un aneurisma cerebrale venerdì 8 maggio, mentre stava allenandosi all’interno della propria abitazione di Cermenate. La situazione era apparsa immediatamente grave e, nonostante il pronto intervento dei medici e la sua lotta per rimanere aggrappato alla vita, questa mattina si è spento su un letto dell’Ospedale di Varese.

LEGGI ANCHE > Jerry Stiller è morto, addio all’attore comico padre di Ben Stiller

Andrea Rinaldi aveva 19 anni. Il suo ruolo era quello di centrocampista e il suo sogno – come quello di ogni giovane calciatore – era quello di calcare i campi della Serie A. La sua vita è sempre stata legata al Centro Sportivo di Zingonia, dove con la maglia dell’Atalanta aveva fatto tutta la cosiddetta ‘trafila’ delle giovanili. Poi il prestito al Legnano Calcio, sempre con il pallone da inseguire. Ed è stato proprio il club lombardo ad annunciare la sua morte.

Andrea Rinaldi non ce l’ha fatta

«L’Ac Legnano, il mondo lilla, la città e l’intero universo calcistico, a tutti i livelli, oggi vivono uno dei loro giorni più sconvolgenti. Andrea Rinaldi, il nostro guerriero, ci ha lasciato – si legge nel comunicato pubblicato dalla società che milita in Serie D -. Un aneurisma lo ha strappato alla vita a 20 anni non ancora compiuti, nel fiore degli anni, con una vita davanti e con una carriera che prometteva traguardi luminosi. Una tragedia improvvisa e sconvolgente, impossibile anche solo da immaginare».

L’aneurisma cerebrale e il ricovero

Il 19enne è stato colpito da un aneurisma cerebrale mentre stava ultimando una seduta di allenamento individuale nel giardino della propria casa di Cermenate. A soccorrerlo sono stati i suoi stessi genitori che hanno immediatamente chiamato il 118. L’arrivo nell’Ospedale di Varese, la lotta per la vita. Ma Andrea Rinaldi, purtroppo, non ce l’ha fatta.

(foto di copertina: da pagina Facebook del Legnano Calcio)