Alessandria, le esplosioni causate da timer sulle bombole

di Gaia Mellone | 05/11/2019

Diventa sempre più certa l’ipotesi che le esplosioni avvenute nella cascina ad Alessandria siano di origine dolosa: tra le macerie infatti i vigili del fuoco hanno ritrovato dei timer posizionati vicino alle bombole di gas.

Alessandria, le esplosioni causate da timer sulle bombole

LEGGI ANCHE> Esplode una cascina in provincia di Alessandria: morti tre vigili del fuoco

Sembrerebbe essere di origine dolosa l’incendio avvenuto nella cascina a Quargnento, in provincia di Alessandria. Nella tarda serata di lunedì 4 novembre i vigili del fuoco avevano ricevuto la segnalazione di un incendio in loco, forse dovuto ad una perdita di gas. Giunti sul luogo si è verificata una nuova esplosione, che ha causato la morte di tre agenti. Proprio le esplosioni successive sembrerebbero essere dovute a dei dispositivi a tempo ritrovati tra le macerie: uno di questi era impostato per esplodere alle 1 e 30 di notte. Una sincronizzazione mal riuscita ha fatto esplodere le bombole in tempi diversi. L’ipotesi dolosa è stata confermata anche dal procuratore capo di Alessandria Enrico Cieri. «Stiamo esaminando i reperti che abbiamo trovato – ha detto dopo il sopralluogo nella cascina –  stiamo scavando tra le macerie abbiamo trovato un timer e una bombola di gas che è stata sequestrata e tutto questo ci fa pensare che l’esplosione sia stata voluta e deliberatamente determinata». Cieri ha aggiunto che gli accertamenti sono ancora in corso e si sta indagando «per capire chi e cosa ha causato questa tragedia». Tra le ipotesi del movente una possibile difficoltà del proprietario, che ha difficoltà economiche, a vendere la cascina.

(Credits immagine di copertina: ANSA/VIGILI DEL FUOCO)