Ivan Zaytsev con Bonaccini: «È il mio presidente»

di Enzo Boldi | 22/01/2020

Zaytsev
  • Il selfie condiviso dal pallavolista sui social

  • Ivan Zaytsev e Stefano Bonaccini con scritto: "Il mio presidente"

  • Il tutto dopo l'endorsement di Mihajlovic a Lucia Borgonzoni (e Salvini)

Se da una parte c’è Sinisa Mihajlovic che sostiene la candidatura di Lucia Borgonzoni ed esprime stima nei confronti di Matteo Salvini, dall’altra c’è Ivan Zaytsev che fa il tifo per il presidente uscente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. Sport e politica, a pochi giorni dalla scadenza elettorale di domenica 26 gennaio, si uniscono e – come in una sorta di par condicio non richiesta – mostrano le loro preferenze.

LEGGI ANCHE > Sinisa Mihajlovic fa il tifo per Salvini e Borgonzoni in Emilia-Romagna

Una foto, poche parole. Anzi, pochissime. Ivan Zaytsev si è limitato a condividere quel selfie in compagnia di Stefano Bonaccini. Il tutto accompagnato da una frase che lascia poco spazio alle interpretazioni: «Il mio presidente». E le simpatie politiche del pallavolista di Modena (e della Nazionale italiana) non sono una novità.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Il mio Presidente.

Un post condiviso da Ivan Zaytsev (@zaytsev_official) in data:

Ivan Zaytsev sta dalla parte di Stefano Bonaccini

Perché già nello scorso mese di novembre, nel corso della manifestazione delle Sardine a Modena, lo Zar (questo il suo soprannome per via delle sue origini russe, ma lui, figlio di pallavolista, è nato a Spoleto 32 anni fa) non aveva fatto mancare il suo supporto al movimento nato nelle piazze dell’Emilia-Romagna. Insomma, come nel caso di Sinisa Mihajlovic, gli ideali politici non sono mai stati celati.

Dopo quelli a Mihajlovic, gli insulti anche per lo Zar

E, come accaduto per l’allenatore del Bologna, anche in questo caso la presa di posizione ha provocato tantissime reazione da parte dei social, con insulti di vario tipo nei confronti di Ivan Zaytsev. Ma l’odio al tempo dei social è sempre più bipartisan: basta avere idee diverse (anche se espresse con toni civilissimi) per finire nel calderone dell’insulto libero.

(foto di copertina: da profilo Instagram di Ivan Zaytsev)