La gara a chi ce l’ha più efficace

Dopo Pfizer e Sputnik V, arriva anche il 94,5% di Moderna

16/11/2020 di Enzo Boldi

Vaccino Moderna

Dal 90% al 94.5%, fino ad arrivare al 95%. Sono numeri, freddi numeri che campeggiano da giorni su molte testate. Si tratta, in termini percentuali, dell’efficacia dei vari prodotti che sono in fase di sperimentazione per contrastare, finalmente, l’evoluzione dei contagi da Coronavirus. E dopo Pfizer e Sputnik V, ecco il vaccino Moderna che potrebbe arrivare a breve in fase di validazione e, quindi, di commercializzazione e diffusione in tutto il mondo. Ma la gara a chi ce l’ha più efficace (citando Federico Mello) è anche economica: dopo gli annunci, infatti, le borse esultano e con loro i titoli azionari.

LEGGI ANCHE > Salvini non vede i genitori da due mesi «per proteggerli», ma ha sempre fatto selfie con gli anziani

Siamo a tre. Dunque. Tre prodotti che sembrano essere altamente efficaci per raggiungere un risultato finale: debellare il Coronavirus e la pandemia che da quasi un anno ha messo in ginocchio l’intero pianeta. Dopo il 90% di Pfizer e il 94,5% del russo Sputnik V, arriva il 94,5% del vaccino Moderna. Numeri elevati per quel che concerne l’efficacia di immunizzazione e che hanno annessi riflessi anche dal punto di vista economico.

Vaccino Moderna e la corsa a chi ce l’ha più efficace

Anche oggi, come già accaduto la scorsa settimana con l’annuncio Pfizer BioNtech, i mercati finanziari hanno segnato un plus di valore molto elevato. Una sorta di vitamina anche per le Borse di tutte il mondo che, dopo aver patito per mesi gli effetti (economici) della pandemia, ora stanno ritrovando vigore in ogni annuncio che arriva dalle varie aziende che hanno studia, prodotto e testato i vari vaccini contro il Sars-CoV-2.

Due a uno per gli Stati Uniti

E, per il momento, è un confronto USA-Russia. Perché se il vaccino Pfizer è mezzo americano e mezzo tedesco (con BioNtech), quello di Moderna è completamente made in USA (hanno la sede in Massachusetts). Sputnik V, invece, porta il marchio di Putin. Una gara a chi ce l’ha più efficace, ma l’importante è che si arrivi alla fine.

(foto di copertina: da Pixabay)

Share this article