Il vaccino creato a Pomezia e i risultati positivi sulle cavie

di Enzo Boldi | 04/05/2020

stop sperimentazione vaccino
  • Sono arrivati i primi risultati (sulle cavie) del vaccino anti-Coronavirus creato dalla Takis di Pomezia

  • Sui topi si è registrato un riscontro evidente: creati anticorpi necessari per immunizzare dal Sars-CoV-2

  • Occorreranno ulteriori sperimentazioni prima del via libera

Arrivano buone notizie dai test sul vaccino anti-Coronavirus condotti sul trattamento creato in laboratorio dalla Takis di Pomezia. Dopo averlo sperimentato in provetta, si è passati a testarlo anche sulle cavie (i topi da laboratorio) e, anche in questo caso, i risultati mostrerebbero buone indicazioni sulla sua efficacia contro il Sars-CoV-2. L’esito positivo è avvenuto all’interno della struttura dell’Istituto Spallanzani di Roma, dove si sta cercando di mettere a punto tutto il necessario per rendere efficace questa immunizzazione per poi procedere (ma serviranno ancora mesi) alla produzione di un vaccino.

LEGGI ANCHE > Non c’è stato un ‘blitz dei Nas’ all’Ospedale di Mantova dove si sta testando la plasmaterapia

«Grazie alle competenze dello Spallanzani, per quanto ne sappiamo, siamo i primi al mondo ad aver dimostrato la neutralizzazione del coronavirus da parte di un vaccino – ha detto Luigi Aurisicchio, amministratore delegato di Takis -. Ci aspettiamo che questo accada anche nell’uomo». La speranza, dunque, è che quanto mostrato fino a questo momento rappresenti una strada da seguire per la creazione e la produzione di un vaccino anti-Coronavirus. Non solo a livello italiano, ma globale.

Vaccino anti-Coronavirus, l’esito dei test sulle cavie

Il tutto si è basato isolando cinque tipologie di vaccino studiate in laboratorio. Due di questi, quelli che hanno presentato i risultati migliori, sono stati inviati all’Istituto Lazzaro Spallanzani della capitale per proseguire la sperimentazione sui topi. Il tutto è partito dal siero ricavato dal sangue ricco di anticorpi anti-Covid. La quantità di anticorpi sembrerebbe, almeno sulle cavie, esser riuscita a bloccare il virus.

I risultati incoraggianti

«I risultati ottenuti ad oggi sono incoraggianti e ben oltre le aspettative – ha proseguito l’ad di Takis -. Dopo una singola vaccinazione, i topi hanno sviluppato anticorpi che possono bloccare l’infezione del virus Sars-CoV-2 sulle cellule umane». I test, ora, proseguiranno per dare risultati ancora più evidenti e certezze scientifiche. Elementi base per la produzione di un vaccino.

(foto di copertina: da Pixabay)