Dentro al treno deragliato: l’ispezione dei vigili del fuoco per escludere altre vittime | VIDEO

di Gianmichele Laino | 06/02/2020

treno deragliato

Il treno deragliato in provincia di Lodi è stata la tragedia con cui l’Italia si è alzata questa mattina. Il bilancio è di due morti e di 27 feriti: a quell’ora, nel primo treno della mattina sulla Milano-Salerno, viaggiavano soltanto 28 persone. Se ci fossero stati più passeggeri, secondo il prefetto di Lodi Marcello Cardona, sarebbe potuta essere una vera e propria carneficina. Intanto i vigili del fuoco sono entrati all’interno del convoglio e hanno girato delle immagini spettrali.

LEGGI ANCHE > Incidente Lodi, cosa è successo: la dinamica dello schianto

Treno deragliato, l’ispezione dei vigili del fuoco

L’ispezione dei vigili del fuoco è dovuta all’accertamento sull’effettivo bilancio dei feriti. I treni dell’alta velocità hanno un bagno ogni due carrozze e, pertanto, i soccorritori dovevano accertare che, al momento dello schianto, non ci fosse nessuno chiuso al loro interno. I vigili del fuoco, oltre ai servizi igienici, hanno ispezionato i sedili di ciascuna carrozza.

Il convoglio è dergaliato ma tutte le carrozze meno una sono rimaste in asse con la linea ferroviaria. Questo ha agevolato l’uscita dei 28 passeggeri e le operazioni di soccorso dei vigili del fuoco, che hanno potuto escludere rapidamente la presenza di altre vittime o di feriti all’interno del treno. I danni più consistenti sono stati riportati dalla motrice, che si è distaccata dal treno e che si è andata a schiantare contro un casotto delle Ferrovie. Qui sono morti i due macchinisti.

FOTO e VIDEO dall’account dei Vigili del Fuoco