Tommaso Cerno non rafforza la pattuglia di Italia Viva al senato

di Redazione | 26/02/2020

Tommaso Cerno
  • Il 19 febbraio aveva annunciato il suo ingresso in Italia Viva

  • Oggi, Tommaso Cerno ha fatto pervenire la sua iscrizione al gruppo misto

  • Voci su presunti dissapori con Matteo Renzi: la luna di miele è durata una settimana

Tommaso Cerno non si è iscritto a Italia Viva. Il numero dei senatori renziani, dunque, resta invariato: al momento sono 16 i componenti del gruppo che ha seguito l’ex premier nella sua scissione dal Partito Democratico. Tommaso Cerno non è fra questi, nonostante la sua adesione al progetto di Italia Viva risalisse solamente al 19 febbraio. L’ex senatore del Partito Democratico si è iscritto al gruppo misto, come confermato dalla presidente dello stesso gruppo di Palazzo Madama, Loredana De Petris.

LEGGI ANCHE > Un colpo a Montecitorio e uno al Senato: anche Tommaso Cerno passa a Italia Viva

Tommaso Cerno non si è iscritto a Italia Viva

L’allontanamento di Tommaso Cerno dal Partito Democratico era dovuto alla posizione sulla riforma della prescrizione. L’emendamento Conte-bis, quello che prevede il blocco della prescrizione solo in caso di condanna, aveva fatto insorgere il senatore che aveva fatto appello ai suoi principi garantisti, inconciliabili a suo modo di vedere con la posizione del Partito Democratico, troppo morbida con il giustizialismo del Movimento 5 Stelle.

L’iscrizione di Cerno al gruppo misto, dunque, non rende automatica la sua uscita dalla maggioranza. La tenuta del governo dipende molto dai numeri in Senato che, a questo punto, con la quasi certa defezione dei senatori di Italia Viva non sembra essere più solida. Per questo il governo di Giuseppe Conte dovrà cercare i numeri in aula votazione dopo votazione. Il fatto che Cerno non si sia iscritto a Italia Viva lo rende libero da «vincoli» di partito.

Il 19 febbraio, Tommaso Cerno aveva attaccato duramente l’esecutivo dicendo che, ormai, sembra già in prescrizione. Tuttavia i presunti dissapori con Matteo Renzi, che avrebbero portato alla decisione di iscriversi al gruppo misto, potrebbero già avergli fatto cambiare idea.