Ceccardi svela un aneddoto: «Renzi ha cercato Salvini per parlare del voto sulla Open Arms, ma il leghista ha detto ‘col cavolo’»

di Gianmichele Laino | 31/07/2020

Susanna Ceccardi

L’intervista di Susanna Ceccardi a Controradio, pubblicata nella giornata di ieri, ha messo in luce un aneddoto piuttosto curioso – e tutto da confermare – in merito alle relazioni tra Matteo Salvini e Matteo Renzi. Secondo la candidata del centrodestra alla presidenza della Regione Toscana, Matteo Renzi avrebbe addirittura cercato Matteo Salvini prima del voto in Senato sull’autorizzazione a procedere per il caso Open Arms, ricevendo picche dal leader del Carroccio.

LEGGI ANCHE > Susanna Ceccardi dice di essere antifascista, ma che ciò aveva senso quando il regime era “bello potente”

Susanna Ceccardi dice che Renzi aveva contattato Salvini per il voto sulla Open Arms

Nel corso dell’intervista a Controradio, Susanna Ceccardi dice di non essere sicura di poter svelare questo aneddoto. Incalzata dai conduttori della trasmissione, tuttavia, non può più tirarsi indietro. Si stava parlando del voto sulla Open Arms e del comportamento dei renziani (che è stato ufficializzato soltanto nella giornata di ieri, dopo che i senatori di Italia Viva non si erano presentati in commissione) in merito a questo passaggio parlamentare sull’autorizzazione a procedere contro Salvini.

L’aneddoto di Susanna Ceccardi raccontato in radio

«Renzi avrebbe detto a Salvini – ha riferito Susanna Ceccardi – una cosa tipo ‘chiamami, per il voto poi vediamo’. Ma il leader della Lega ha detto ‘col cavolo che lo chiamo’». Insomma, un retroscena che è stato riferito da una esponente di primo piano del Carroccio, candidata in Toscana alla presidenza della regione e già europarlamentare. Una voce che, per questo motivo, va ascoltata, anche se non ci sono prove diverse rispetto a questo tipo di contatto.

Nel corso del suo intervento al Senato, tuttavia, Matteo Salvini aveva fatto un riferimento ai ‘messaggini’, ma aveva anche detto di preferire il silenzio del Movimento 5 Stelle alla retorica di Matteo Renzi che aveva annunciato il voto di Italia Viva a favore dell’autorizzazione a procedere.