Stella Manente invoca Hitler al Gay Pride, poi chiede scusa: «Non sapevo della sua esistenza» | VIDEO

di Gaia Mellone | 30/06/2019

  • Stella Manente nell'occhio del ciclone per aver invocato Hitler contro i partecipanti al Gay Pride

  • Il giorno dopo cancella le storie e si scusa: «Non sapevo esistesse, io sono claustrofobica ho avuto paura ed ero in ritardo»

  • Le sue scuse non piacciono al web

Stella Manente, modella e influencer, ha fatto delle storie Instagram durante il Gay Pride a Milano. Nulla di strano: moltissimi i video condivisi sul social con le immagini della parata, del concerto e dei messaggi di amore e tolleranza. Le sue però erano dio un tono molto diverse: ha infatti evocato l’intervento di Hitler come un ammasso di «persone ignoranti».

LEGGI ANCHE > «Gay Pride = Mafia del Pd». I volantini di Forza Nuova contro l’evento di sabato a Torino

Stella Manente invoca Hitler al Gay Pride | VIDEO

Dopo le polemiche Stella Manente ha cancellato le storie incriminate, che però erano già state salvate da alcuni utenti che le hanno ricondivise sui social network. Con l’hashtag “Ashamed to be italian” (mi vergogno di essere italiana) la modella sbraita contro la parata: «Io sto perdendo il treno» in mezzo a questa «massa di ignoranti, andate tutti a morire ca***». «Perché Hitler non esiste più!» continua degenerando, «sarebbe dovuto esistere Hitler» continuando a dare alle persone che marciavano della «massa di gente ignorante» che «sta bloccando la strada». Invoca anche l’intervento della polizia che «chissà dove ca*** è, forse a farsi le seghe». Una buona parola per tutti insomma.

Stella Manente si scusa, ma peggiora la situazione

Le sue storie, nonostante siano state cancellate,. hanno però fatto imbestialire il mondo dei social network, e non solo. Tanto che la mattina dopo Stella Manente ha deciso di chiedere scusa e spiegare i motivi delle sue parole. Dieci storie, sempre su Instagram. La modella chiede scusa più volte, ammettendo di aver esagerato e di aver detto delle cose inadeguate e che non era sua intenzione offendere nessuno, ma a sua difesa porta due motivazioni. La prima è che è claustrofobica e che vedere così tante persone nello stesso luogo le crea «attacchi di panico e mancamenti». «Sono scesa in strada con 40 gradi e in ritardo per un treno per andare ad un appuntamento di lavoro importante» spiega Manente, che dice di aver «sparlato» perché la strada era bloccata, mandandola nel panico e di essersi «sentita davvero male».

In secondo luogo, Stella Manente dice che si è trattato alla fine di un equivoco: lei non sapeva dell’esistenza del Gay Pride. A testimonianza di questo, la modella carica nelle stories anche la registrazione di una conversazione audio su Whatsapp con una sua amica, che la invitava ad andare alla parata del Gay Pride, e lei risponde : «Che cos’è non l’ho mai sentito». Stella oltre a chiedere scusa chiede di smetterla di commentare e insultarla per l’errore commesso perché «io ho sbagliato, ma errare è umano, e quello che mi state dicendo è davvero brutto e pesante, io non ho dormito stanotte». Una richiesta che difficilmente verrà ascoltata, visto che sui social network le sue scuse non hanno convinto, anzi.

(credits immagine di copertina e video: Instagram Stories Stella Manente Official)