Harvey Weinstein: L’ex produttore arrestato dalla Polizia di New York

La Nypd ha arrestato Hervey Weinstein a seguito di due accuse per stupro, la cauzione fissata per il suo rilascio potrà superare il milione di dollari.

Era questione di ore e questa mattina il produttore cinematografico Harvey Weinstein, accusato per violenze sessuali su numerose donne del mondo dello spettacolo, ha lasciato in manette la stazione di Polizia di New York dove si era consegnato spontaneamente. La notizia rilanciata dai media americani ha avuto ampio risalto in tutto il mondo, così come negli scorsi mesi i vari aggiornamenti sullo scandalo che lo ha travolto.

Nonostante più di 80 denunce Harvey Weinstein è finito in manette “solo” per la denuncia di due donne, una di queste è Lucia Evans conosciuta dall’ex produttore nel 2004 in un nightclub. La donna, che all’epoca frequentava l’università ha accusato il tycoon di averla costretta ad un rapporto orale nel suo ufficio. La polizia di New York ha ringraziato Lucia e le altre vittime dell’uomo per “il coraggio di essersi fatte avanti e aver cercato giustizia”. Notare come all’uscita dal dipartimento di polizia Harvey Weinstein ostentasse un sorriso quasi beffardo a favore dei fotografi.

Harvey Weinstein all’ingresso presso il NYP Department

Harvey Weinstein potrà essere rilasciato su pagamento di una cauzione di 1 milione di dollari e dovrà indossare un dispositivo di monitoraggio alla caviglia. Avrà inoltre l’obbligo di consegnare il suo passaporto e non potrà lasciare gli Stati Uniti.
Weinstein è accusato di aver abusato di almeno 80 donne del mondo dello spettacolo, ma quello di Lucia è il primo caso ad avere dei risvolti penali e questo è un importante passo per il movimento di protesta “MeToo” nato, in seguito allo scandalo delle molestie a Hollywood, per attirare l’attenzione sulle violenze sulle donne che avvengono nel mondo dello spettacolo.

Share this article