David di Donatello: Ammore e Malavita guida le nomination 2018 e le novità | FOTO

Sono state rese pubbliche le candidature per i David di Donatello, uno dei massimi riconoscimenti del cinema italiano.

Mentre in America fervono i preparativi per la novantesima edizione del Premio Oscar, sono stati rivelati i candidati per i David di Donatello di quest’anno. I David di Donatello, che giungono quest’anno alla 62a edizione, sono uno dei più prestigiosi premi cinematografici italiani e la cerimonia di assegnazione, che avrà luogo la sera di Mercoledì 21 Marzo, è qualcosa di molto simile alla versione italiana della notte degli Oscar.

I David di Donatello torneranno su Rai 1 dopo le due edizioni targate Sky e lo faranno con una programmazione ad hoc che mostrerà da qui alla cerimonia oltre 100 film premiati come ha spiegato orgogliosamente il direttore della rete ammiraglia Angelo Teodoli:

“Sono particolarmente contento del rientro dei David e della direzione della signora De Tassis. Rai 1 sta iniziando a cambiare aspetto con grande qualità e arte, il rientro della rappresentazione del racconto principale italiano ci inorgoglisce. È già rientrato con una programmazione specifica e ora rientrerà anche la cerimonia del David di Donatello e così sarà anche in futuro. Sarà certificato anche nella serata del 21 marzo che andrà in onda su Rai 1. Sarà presentata da Carlo Conti”.

Piera De Tassis è stata nominata presidente della Fondazione dei David di Donatello pochi giorni fa e ha accettato con entusiasmo l’incarico di direttrice artistica:

” La cerimonia sarà il 21 marzo, primo giorno di primavera e non si poteva iniziare meglio. La mia passione per il cinema italiano trova casa al David di Donatello ed è una responsabilità che immaginavo così grande, il premio deve essere un volano per il nostro cinema. Deve celebrare le eccellenze e la diversità del cinema italiano. Deve rivelare dei nuovi talenti. Voglio ringraziare la Rai perché lo spot è epico, si è visto moltissimo e anche il ciclo di film che lo sta accompagnando è molto bello. Insieme al traino di Rai e ai componenti dell’Accademia che hanno votato per l’87% rispetto a 70% degli anni precedenti. Abbiamo sollecitato fino all’ultimo, in tanti erano distratti e quest’anno non lo sono stati. Naturalmente devo ringraziare chi c’è stato molto vicino oltre la Rai, a partire da Giuliano Montaldo che mi ha passato il testimone”.

Giuliano Montaldo aveva guidato ad interim l’Accademia del cinema italiano dopo la scomparsa di Gian Luigi Rondi, ma resta una personalità importante per la fondazione e per lo storico premio dei David di Donatello:

“Poche parole per dire che siamo passati da pochi giorni da associazione a fondazione. questo è un evento importante e rinnova il futuro dell’associazione. Grazie alla Rai, me ne sono reso conto anche dalla messa in onda degli ultimi film che appare anche il logo. Questa messa in onda ci commuove e ci fa molto piacere, dopo un anno di interregno devo dire grazie e buon lavoro a questa grande signora a cui siamo riconoscenti. I tempi sono duri, il momento del cinema è faticoso. Io quando ho iniziato a lavorare nel 1950 il capo macchinista mi vedeva affascinato e mi disse “ti piace il cinema? Il cinema è in crisi sta attento”. Siamo ancora qui”.

Carlo Conti condurrà la serata evento di Rai 1 in diretta dagli Studi De Paolis:

“Bisogna essere all’altezza di questo spot. Sono felicissimo di confurrr di nuovo i David che ho fatto nel 2000 e nel 2001. Un onore e un onere di cui spero di essere all’altezza. Una rappresentazione di questo momento che vive il cinema italiano, nuovi autori ed è un bel momento. Sarà una classica premiazione dove ci saranno i preamiati, i presentatori,  gli ospiti, ma i protagonisti saranno quelli del cinema italiano. Io sarò un classico gran cerimoniere. Prima ci sarà il red carpet di Rai movie e dopo una nostra rapida sintesi inizieremo l’appuntamento con questa sigla”

Le candidature, che di seguito procederemo a elencarvi, sono state selezionate tra le produzioni italiane (salvo nelle categorie Miglior film dell’Unione Europea e Miglior film straniero) arrivate al cinema tra il primo Gennaio e l’ultimo giorno di Dicembre del 2017.

MIGLIOR FILM


A Ciambra, prodotto da Stayblack Productions, Jon COPLON, Paolo CARPIGNANO, con Rai Cinema per la regia di Jonas CARPIGNANO
Ammore e malavita, prodotto da Carlo MACCHITELLA e MANETTI Bros., con Rai Cinema per la regia dei MANETTI Bros.
Gatta Cenerentola, prodotto da Luciano STELLA e Maria Carolina TERZI per Mad Entertainment, con Rai Cinema per la regia di Alessandro RAK, Ivan CAPPIELLO, Marino GUARNIERI, Dario SANSONE
La tenerezza prodotto da Agostino, Maria Grazia e Giuseppe SACCÀ per Pepito Produzioni, con Rai Cinema per la regia di Gianni AMELIO
Nico, 1988 prodotto da Marta DONZELLI e Gregorio PAONESSA per Vivo Film, con Rai Cinema, Joseph ROUSCHOP e Valérie BOURNONVILLE per Tarantula per la regia di Susanna NICCHIARELLI

MIGLIOR REGIA

A CiambraJonas CARPIGNANO
Ammore e malavita, MANETTI Bros.
La tenerezza, Gianni AMELIO
Napoli velata, Ferzan OZPETEK
The Place, Paolo GENOVESE

MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE

Brutti e cattivi, Cosimo GOMEZ
Cuori puri, Roberto DE PAOLIS
Easy – Un viaggio facile facile, Andrea MAGNANI
I figli della notte, Andrea DE SICA
La ragazza nella nebbia, Donato CARRISI

MIGLIORE SCENEGGIATURA ORIGINALE

A CiambraJonas CARPIGNANO
Ammore e malavita, MANETTI Bros., Michelangelo LA NEVE
La ragazza nella nebbia, Donato CARRISI
Nico, 1988, Susanna NICCHIARELLI
Tutto quello che vuoi, Francesco BRUNI

MIGLIORE SCENEGGIATURA NON ORIGINALE

La guerra dei cafoni, Barbara ALBERTI, Davide BARLETTI, Lorenzo CONTE, Carlo D’AMICIS
La tenerezza, Gianni AMELIO, Alberto TARAGLIO
Sicilian Ghost Story, Fabio GRASSADONIA, Antonio PIAZZA
The Place, Paolo GENOVESE, Isabella AGUILAR
Una questione privata, Paolo e Vittorio TAVIANI

MIGLIOR PRODUTTORE

A Ciambra, Stayblack Productions, Jon COPLON, Paolo CARPIGNANO, con Rai Cinema
Ammore e malavita, Carlo MACCHITELLA e MANETTI Bros. con Rai Cinema
Gatta Cenerentola , Luciano STELLA e Maria Carolina TERZI per Mad Entertainment, con Rai Cinema
Nico, 1988, Marta DONZELLI e Gregorio PAONESSA per Vivo Film, con Rai Cinema, Joseph ROUSCHOP e Valérie BOURNONVILLE per TARANTULA
Smetto quando voglio SagaDomenico PROCACCI e Matteo ROVERE, con Rai Cinema

Vai a pagina 2 per scoprire i candidati ai David di Donatello per miglior attore e migliore attrice protagonista !

Share this article