Chicago Med 4×08 – Recensione: Dolore, rabbia e illusione

L’ottavo episodio di Chicago Med 4 è pieno di emozioni, rabbia, dolore e l’illusione di provare ancora un dolore svanito in realtà da anni. 

Will Halstead è ancora una volta protagonista del nuovo episodio di Chicago Med 4. Ma, come accade ogni volta, c’è anche Ethan con un prurito da grattare, Connor Rhodes che ha appena iniziato una guerra contro la Goodwin e il Dr. Chrarles… Cosa sarebbe Chicago Med senza Daniel Charles? L’ottavo episodio di Chicago Med 4 ha inizio con Will e questo agente dell’FBI che, nonostante stia cercando di mettere in prigione un criminale, avrei preso a schiaffi come se non ci fosse un domani.
Risultati immagini per chicago med gif logo
Chicago Med

Sono tanti i pazienti che arrivano al Chicago Med in questo nuovo episodio. Tra loro una donna di cui si occupano Ethan Choi e Daniel Charles. Un’amica di Vicky con un prurito alla testa che dura ormai da anni. Ha provato di tutto, e preferirebbe morire piuttosto che andare avanti sentendo quel prurito che non diminuisce mai.
La soluzione sembra essere una sola, un’operazione chirurgica che le restituirà la sua vita… o porterà dei danni al cervello che non le permetteranno mai di ricominciare a vivere. Ed è questo il momento in cui Daniel Charles mostra ancora una volta di essere ciò di cui i pazienti e i medici del Chicago Med avranno sempre bisogno. Il Dr. Charles scava nel profondo perché la chirurgia deve essere l’ultima opzione. E così, attraverso un trucco, convince anche Ethan Choi della sua teoria: molto più spesso di quanto crediamo, il nostro cervello riesce ad ingannarci.
Daniel Charles risolve un altro caso senza che quella donna finisca sotto i ferri. Sono con lui sin dal primo giorno, e sarà così fin quando Dick Wolf continuerà a regalarci la grandezza di questo personaggio.
Chicago Med
Chicago Med

Sarò sempre dalla parte del Dr. Charles come sarò sempre dalla parte di Connor Rhodes. La sala ibrida del Chicago Med non produce gli effetti sperati. I guadagni non compensano le spese e la Goodwin ha deciso di utilizzarla anche per altre operazioni chirurgiche. Ma Connor non ci sta. I pazienti non sono qualcosa con cui arricchirsi, non si può monetizzare una vita umana.
Ma quello che Connor non riesce a vedere in questo momento è che, se la sala ibrida non porterà profitti al Chicago Med, allora smetterà di esistere. La Goodwin pensa al bene dei pazienti, e senza quella sala molti pazienti potrebbero morire. Un circolo vizioso in cui Connor Rhodes non vorrebbe entrare. I suoi pazienti sono la sua unica preoccupazione. La Goodwin ha qualche responsabilità in più.
Connor disobbedisce ad un ordine diretto della Goodwin e se lo farà ancora, la porta sarà la sola direzione che prenderà. Chicago Med senza Connor Rhodes? Non potrebbe mai accadere. Sono con Connor, lo sarò sempre, ma spero anche che capisca che la Goodwin sta agendo per permettergli di continuare ad avere la sua sala. Non è lei il nemico, ma una legge sbagliata che dice che se non hai soldi, puoi anche morire.
Chicago Med

E tra uno scontro e l’altro, Connor e Ava. Ci siamo, abbiamo iniziato a vivere questa nuova coppia. Ava appoggia Connor, gli resta accanto ma lo avverte. Ci saranno dei problemi se non seguirà le regole. Ma Connor Rhodes non è uno che segue le regole, non se gli impediscono di salvare una vita. Ed è anche per questo che lo amiamo.
Nonostante ciò, Ava corre dal suo cowboy mentre io continuo a sperare che il solito mai una gioia di Chicago Med li raggiunga il più tardi possibile.
Chicago Med

Nel nuovo episodio di Chicago Med intanto, la sala ibrida crea qualche problema anche tra Maggie e April. Maggie è ormai nel team di Connor Rhodes e quando si trova in sala operatoria è April a prendere il suo posto. Dopo aver dato ad April un fascicolo intero con le regole da seguire, l’insostituibile Maggie si rende conto di non essere poi così insostituibile.
April sa gestire l’ospedale, riesce ad occuparsi delle infermiere e dei pazienti come farebbe Maggie, ma con un metodo diverso. E’ difficile affrontare l’idea di non essere gli unici a saper fare il nostro lavoro. Ma dopo aver urlato contro chi la sta aiutando, Maggie si rende conto del suo errore e torna sui suoi passi. Eccola la grandezza di questo personaggio.

Andate a pagina due per la seconda parte della recensione di Chicago Med 4

Share this article