Chicago Med 3×10 – Recensione: La forza di una giovane donna

La terza stagione di Chicago Med è tornata sul piccolo schermo. Protagoniste di questo nuovo episodio le donne, la loro forza e testardaggine, il loro modo di guardare il mondo e combattere le ingiustizie. 

Un nuovo episodio di Chicago Med 3 è andato in onda. Ancora una volta c’è una storia e un momento ad avermi regalato un’emozione che sembra quasi impossibile da spiegare a parole. Il sorriso di quella giovane donna di soli 14 anni che ha scelto per sé, per la sua vita. Che ha trovato un modo, anche se drastico, per dire la sua, per far sentire la sua voce, proprio come ha detto Natalie.
Ma partiamo da Sarah Reese e il Dr. Charles. Dopo mesi di terapia, dopo aver affrontato le sue paure, la Dr. Reese è tornata al Chicago Med più forte di prima, e forse anche un po’ incosciente. Un uomo con la paura di essere “perverso”, di poter uccidere la moglie da un momento all’altro. Daniel Charles voleva ricoverarlo, era la cosa giusta da fare secondo la colonna portante del Chicago Med. Ma la sua pupilla non era d’accordo e, anche questa volta, ha agito per conto suo.
Chicago Med
Chicago Med 3

L’incoscienza di Sarah Reese nel nuovo episodio di Chicago Med 3

La rabbia e la paura del Dr. Charles sono esplose in un momento. Sarah avrebbe potuto causare danni irreparabili mettendo tra le mani di quell’uomo quel coltello. Non siamo supereroi, non abbiamo superpoteri che ci permettono di affrontare ogni cosa. La terapia applicata da Sarah a quel paziente ha dato ragione alla Dr. Reese, e non so se sono stata la sola…
Ma negli occhi del Dr. Charles ho visto orgoglio, solo per un istante, in quegli ultimi minuti finali. Orgoglioso della donna che Sarah sta diventando, del suo coraggio e della sua forza. Quella che credeva di aver perso. Certo, Sarah avrebbe dovuto ascoltare il suo superiore. Ma chi di noi non ha mai disobbedito credendo di fare la cosa giusta?

Chicago Med
Chicago Med 3

Il dolore di Maggie in Chicago Med 3

E parlando di bugie… Maggie e Barry. Nonostante la sparatoria, nonostante la paura e il ferimento di quelle due persone, tutto sembrava andare per il verso giusto per Maggie. Dopo aver lottato tanto nel tentativo di allontanare Barry, Maggie si è lasciata andare… solo per scoprire la più grande menzogna in cui ha vissuto. Una vita diversa da quella che le era stata raccontata, un’identità sconosciuta quella di Barry mentre nella mente di Maggie c’è una sola domanda: perché?

Forse, semplicemente, perché certe volte è più facile mentire che raccontare una verità da cui vogliamo fuggire. Ma non sempre le cose vanno come vorremmo. E l’aver salvato la vita di Natalie non è bastato. Barry è stato portato via in manette. Maggie ha ascoltato le parole di Sharon mentre il suo cuore si spezzava una seconda volta. Avrei voluto un lieto fine per questa donna che ho imparato ad amare con il tempo. Ma Dick Wolf non ama il lieto fine, e questo lo sappiamo bene.
Chicago Med
Chicago Med 3

Share this article