“Speranza o resa”: al via la Conferenza mondiale di Madrid sul clima

di Daniele Tempera | 02/12/2019

  • Al via la Cop25, la consueta conferenza annuale sul clima, che quest'anno si svolge a Madrid

  • Una conferenza che si apre con le parole del segretario dell'ONU Guterres: "sforzi insufficienti dai paesi ricchi"

  • E sui rapporti degli scienziati che certificano il ritardo nel combattere un fenomeno ormai inarrestabile

I paesi sono 196 e il tempo per dibattere e trattare è fino al 13 dicembre. In questi giorni Madrid diventerà la capitale del pianeta per quanto riguarda la lotta al cambiamento climatico. Nella capitale va in scena la “Cop25”, la consueta e annuale conferenza per fare il punto sul clima e sul contrasto al cambiamento climatico. Una lotta che sembra diventare di anno in anno più urgente e non rimandabile, come espresso dalle parole di apertura del presidente della Nazioni Unite Antonio Guterres che non ha usato mezzi termini: «Il mondo deve scegliere tra speranza e resa» aggiungendo «le tecnologie che sono necessarie per il cambiamento sono già disponibili. Segnali di speranza si stanno moltiplicando, l’opinione pubblica si sta svegliando ovunque e le nuove generazioni stanno dimostrando una ragguardevole capacità di leadership e mobilitazione. Ma abbiamo bisogno di scoraggiare l’estrazione del carbone, serve la volontà politica di stoppare i sussidi alle fonti fossili e cominciare a tassare invece l’inquinamento». Guterres  ha anche detto che per fermare il riscaldamento globale finora sono stati messi in campo sforzi insufficienti e il problema parte proprio dai paesi più ricchi.

«Il movimento di trasformazione deve partire dai paesi del G20» ha continuato Guiterres, che momentaneamente «incidono per i tre quarti delle emissioni mondiali». Un’evidenza che però finora non trova spazio nella pratica concreta.  Secondo un report redatto dall’Universal Ecological Fund,  una ONG impegnata attivamente sul fronte alla lotta al cambiamento climatico, delle 28 nazioni europee solo Svizzera, Norvegia e Ucraina sembrano aver assolto i loro impegni ambientali. Sempre secondo l’ONG quasi il 75% degli impegni sono inoltre insufficienti per contribuire a ridurre del 50% le emissioni di CO2 entro il 2030 e molti impegni non verranno nemmeno probabilmente assolti.  Uno scenario sicuramente non ottimista per una conferenza mondiale che attende, nei prossimi giorni, l’intervento dell’ormai leader della protesta ambientalista mondiale: Greta Thunberg.

TAG: Cop25, Guterres