Coronavirus: oltre 1,153 contagi in Spagna in 24 ore, anche Berlino sconsiglia di partire

di Marta Colombo | 30/07/2020

spagna covid

La paura per una seconda ondata di Covid-19 si fa sentire in tutta Europa. In seguito ad un aumento di casi in Spagna e diversi focolai in altre zone, la Germania si aggiunge a Regno Unito, Norvegia, Olanda e Belgio, e impone una sorta di embargo turistico nei confronti del Paese sud europeo. Nonostante la maggior parte dei casi siano concentrati in Catalogna in particolare a Barcellona e nella regione della capitale Madrid, i governi non hanno sconsigliato ai loro cittadini di viaggiare in queste determinate zone ma di non partire per la Spagna in generale.

A causa della pandemia, il turismo internazionale è sprofondato in una crisi tre volte peggiore a quella causata dalla depressione economica del 2008. All’indice in Europa il premier spagnolo Pedro Sanchez ha duramente criticato i governi che hanno dissuaso i loro cittadini a viaggiare nel suo Paese, in particolare Parigi, Londra e Berlino. Sanchez ha anche criticato gli indisciplinati spagnoli, soprattutto chi beve fino a notte fonda e chi si ritrova in feste affollate nelle spiagge e piazze di tutta Spagna, dove molte regioni hanno ripristinato l’obbligo di indossare mascherine anche all’aperto. Chi beve nelle strade, intoltre, rischia una multa fino a 15mila euro.

LEGGI ANCHE >Spagna: «sotto controllo» la nuova ondata di casi, il Regno Unito impone la quarantena

I nouvi focolai di Covid-19 in Spagna e nel resto d’Europa

Oltre alla Catalogna, anche Aragona e Navarra hanno registrato un’impennata di casi. Inoltre, un nuovo focolaio è stato individuato anche in Baviera vicino a Manning, in Germania, dove 500 dipendenti sono stati isolati e 174 lavoratori stagionali sono risulati positivi al Covid-19. Secondo dati ufficiali del governo tedesco, la media giornalieria di contagi nella seconda metà di luglio è di 557 casi, contro i 350 di inizio mese.

Mentre la Germania e la Francia si sono limitate a sconsigliare ai loro cittadini di viaggiare in Spagna, il Regno Unito, la Norvegia, l’Olanda e il Belgio hanno imposto una vera e propria quarantena per chiunque sia di rientro da Paese.