Salvini commenta il calo della Lega nei sondaggi dando la colpa al mancato contatto con la gente

di Enzo Boldi | 18/05/2020

Sondaggi Lega

Non sarà una sola manifestazione. Matteo Salvini ha annunciato che, vista l’impossibilità di spostarsi tra le varie Regioni d’Italia (almeno fino al 3 giugno), nel giorno della Festa della Repubblica non ci sarà un solo evento di piazza a Roma, ma ben cento. Il segretario del Carroccio, ospite di Un Giorno da Pecora (su Rai Radio 1) ha detto che saranno manifestazioni senza simboli di partito, anche se l’iniziativa è stata mossa da Giorgia Meloni e recepita – venerdì sera – dall’ex ministro dell’Interno. Poi ha commentato anche i sondaggi Lega in calo nell’ultimo periodo. Ma Salvini non si dà colpe per questo.

LEGGI ANCHE > La manifestazione del 2 giugno di Lega e Fratelli d’Italia sarà aperta solo ai residenti e domiciliati nel Lazio?

«Ci manca il contatto con la gente, un conto è fare riunioni via Zoom altro è la presenza – ha detto Matteo Salvini a Un Giorno da Pecora -. Alla 37esima riunione via zoom con artigiani, negozianti è preferibile l’incontro con le persone». Insomma, il mondo virtuale e social – lo stesso utilizzato dallo stesso leader del Carroccio per sostenere la sua perenne campagna elettorale – non è efficace tanto quanto gli incontri in piazza. E, secondo lui, questo avrebbe provocato questo vistoso calo nei sondaggi Lega settimanali, con confronti impietosi rispetto all’enorme successo ottenuto dal partito alle ultime Europee.

Sondaggi Lega in calo, il dubbio di Salvini

Non solo i sondaggi Lega. Nel corso del suo intervento radiofonico, Matteo Salvini ha detto che la manifestazione del 2 giugno sarà senza simboli di partito e non sarà solamente a Roma. Vista l’impossibilità di spostamento tra le diverse Regioni, saranno ben cento le piazze italiane che si raccoglieranno per protestare contro il governo e chiedere più supporto economico dopo la crisi sanitaria legata al Coronavirus. Il tutto, sottolinea Salvini, mantenendo le distanze di sicurezza.

(foto di copertina: da Un giorno da Pecora, Rai Radio 1)