«Il Movimento 5 Stelle è unito e compatto», ma una sua senatrice passa con Renzi

di Gianmichele Laino | 26/09/2019

Silvia Vono
  • Silvia Vono, senatrice M5S, passa a Italia Viva di Matteo Renzi

  • Ma il gruppo al senato pentastellato dice di essere unito e compatto

Tutto e il contrario di tutto. Mentre il Movimento 5 Stelle si affrettava a dire di essere ‘tutto unito e compatto’, soprattutto al Senato, dove i portavoce pentastellati si facevano immortalare in una foto tutti insieme e sorridenti, c’era una loro rappresentante – Silvia Vono, senatrice eletta in Calabria – che aveva già deciso la strada da prendere: passare al gruppo di Italia Viva, il partito di Matteo Renzi.

Il Movimento 5 Stelle smentisce le voci di dissidi interni

Il Movimento 5 Stelle con un post sul blog nella giornata di ieri ha voluto nettamente smentire tutte le voci di corridoio in merito a malumori nei confronti di Luigi Di Maio. Il M5S ha minimizzato sulle firme raccolte per un documento di chiarimento sul ruolo del leader politico, affermando che quei 70 nomi messi insieme in un unico foglio sono funzionali alle dinamiche d’assemblea interne al partito.

«Non permettiamo – si legge nella nota – che un normale processo democratico portato avanti dai portavoce al Senato nel rispetto delle regole interne del gruppo, venga distorto e strumentalizzato ad arte per portare un attacco al Movimento 5 Stelle e al suo leader». Eppure i malumori restano. Lo dimostra l’annuncio di Silvia Vono che ha deciso di passare nel gruppo renziano.

La decisione della senatrice Silvia Vono

La senatrice ha motivato così la sua scelta: «Ho preso una decisione importante, difficile e sofferta ma improcrastinabile che però mi dà finalmente la possibilità di ragionare in termini democratici. Mi sono messa piu volte in discussione in questi mesi di legislatura e ho messo in discussione tanti principi che forse qualcuno si illude ancora di avere come guida ma, appunto, solo una fragile illusione». Un attacco palese al Movimento di cui faceva parte, accusato quindi di scarsa democrazia al suo interno.

Al momento, la defezione della Vono e il suo passaggio in Italia Viva non minano la tenuta della fragile maggioranza al Senato: il partito di Matteo Renzi, infatti, è organico all’esecutivo, ha al suo interno due ministri e due sottosegretari, con la possibilità di raccogliere anche altre adesioni nei prossimi giorni. Ecco perché il passaggio è avvenuto quasi in sordina. Preoccuperebbe di più, invece, una migrazione dal Movimento 5 Stelle alla Lega, come aveva già minacciato Matteo Salvini nei giorni scorsi. Quello sarebbe un vero e proprio cambio di schieramento, con senatori della maggioranza che passerebbero all’opposizione.

Intanto sa di beffa, per i valori da sempre portati avanti dal Movimento, la dichiarazione della neo-renziana Silvia Vono: «Matteo Renzi ha coraggio, lungimiranza e determinazione. Ha continuato a lavorare con intelligenza e in piena libertà; e onestà; intellettuale, ha scelto di esporsi coraggiosamente, un’altra volta, per l’Italia. Con senso del dovere per il Paese e per il bene comune, onestà intellettuale».

FOTO dal Blog delle Stelle

TAG: M5S