Sharon Stone bloccata da una app di appuntamenti online (ma la vera notizia è che Sharon Stone era iscritta)

30/12/2019 di Redazione

Chi è la persona che, iscrivendovi su una app di appuntamenti online, proprio non immaginereste di trovare? Forse l’elenco è lungo, ma Sharon Stone rientra senz’altro nella lista. Eppure, l’attrice di Basic Instinct, 62 anni e un fascino immortale, ha provato questa esperienza, tra l’altro con un epilogo assolutamente imprevisto.

LEGGI ANCHE > Sharon Stone su Basic Instinct: «La scena senza mutande? Il regista mi tradì»

Sharon Stone era stata bloccata dall’app Bumble

Ore 6.40 del mattino circa. L’attrice prende la tastiera del suo smartphone e lancia un tweet dall’effetto dirompente:

«Sono andata su Bumble – ha scritto Sharon Stone – e hanno chiuso il mio account. Alcuni utenti hanno segnalato che non era possibile che fossi io. Ehy Bumble, mi stai escludendo? Non chiudermi fuori dal tuo alveare». Qualche ora dopo, l’attrice ha anche riportato uno screenshot del blocco ricevuto, mostrando che stava davvero dicendo sul serio.

L’opinione di Sharon Stone sulle app di dating

Bumble è un’applicazione di dating come ce ne sono tante. Il suo scopo è quello di mettere in contatto delle persone per scambi di appuntamenti e anche per confronti virtuali. Evidentemente, diverse persone con cui era entrata in contatto non credevano alla sua identità: pensavano che fosse un nick name di una utente comune che utilizzava l’immagine di Sharon Stone in maniera impropria. È stata la stessa attrice a chiarire l’equivoco, chiedendo di essere riammessa all’utilizzo della piattaforma.

L’app, attraverso i suoi responsabili, ha comunicato che risolverà al più presto il problema. La notizia, ovviamente, ha del clamoroso. Tuttavia, il fatto che Sharon Stone fosse disponibile a sperimentare le app di dating era noto sin dal 2014, quando aveva detto di non avere nulla in contrario nel loro utilizzo nel corso di un’intervista. Adesso l’episodio esilarante, che è diventato immediatamente virtuale sui social network.

Photo: Britta Pedersen/dpa-Zentralbild/dpa

Share this article