Confermata la chiusura delle scuole: stop da domani fino al 15 marzo

di Redazione | 04/03/2020

scuole chiuse

Dopo che nel corso della giornata si erano rincorse anticipazioni e smentite, ecco la conferma ufficiale di quanto precedentemente annunciato. Il governo ha disposto la chiusura di scuole e università su tutto il territorio italiano, a partire dalla giornata di domani, 5 marzo 2020, fino al 15 marzo 2020, in seguito alle recenti disposizioni per contrastare l’epidemia di coronavirus, non soltanto nelle aree maggiormente interessate dal contagio, ma in ogni regione italiana.

LEGGI ANCHE > Scuole e università chiuse in tutta Italia, il ministro Azzolina: “Decidiamo nel pomeriggio”

Scuole chiuse, conferma ufficiale del governo

Il governo, sulla chiusura di scuole e università, si è affidato al parere della commissione scientifica che già ieri aveva consigliato la chiusura per un mese degli eventi sportivi in tutto il Paese. Ora, c’è attesa per l’intervento pubblico di Giuseppe Conte che dovrebbe comunicare alla nazione la necessità di questa misura così importante per il regolare svolgimento della vita quotidiana del Paese.

Scuole chiuse ufficiale, Giuseppe Conte ha spiegato la ragione del provvedimento

Il presidente del Consiglio ha debuttato affermando che si è trattato di una misura a scopo totalmente precauzionale: «Non so perché siano uscite delle indiscrezioni così presto – ha detto Giuseppe Conte in conferenza stampa -. Dovevamo aspettare il parere di Busaferro dell’Istituto Superiore di Sanità e queste conferme sono arrivate soltanto una ventina di minuti fa». La conferenza stampa – brevissima, insieme alla ministra all’Istruzione Lucia Azzolina – è stata un po’ tesa per le domandi insistenti della giornalista Fusani che chiedeva il perché nel ritardo della comunicazione ufficiale. «La valutazione iniziale è stata fatta insieme al ministro della Salute Roberto Speranza e insieme agli esperti – ha spiegato Conte -, ma sarebbe stato necessario l’approfondimento del professor Brusaferro. L’uscita della notizia in maniera anticipata è stata completamente improvvida».

Il presidente del Consiglio era stato impegnato fino a pochi minuti prima in una riunione con le parti sociali e con i governatori. L’incontro è stato interrotto appositamente per comunicare la decisione della chiusura delle scuole in maniera tempestiva rispetto all’ok dell’Istituto Superiore di Sanità. Il ministro Lucia Azzolina si è augurata che, nel corso di questa sospensione delle attività scolastiche, si possa garantire una costruttiva didattica a distanza.