Il minuto di silenzio di Matteo Salvini dopo la domanda di Elly Schlein sul regolamento di Dublino

di Gianmichele Laino | 21/01/2020

Schlein-Salvini
  • Elly Schlein, ex europarlamentare, ha incontrato Matteo Salvini in campagna elettorale in Emilia-Romagna

  • Lei è esponente della lista ER-Coraggiosa, in appoggio a Bonaccini

  • Il silenzio del leader della Lega dopo la domanda sul regolamento di Dublino

Cosa hanno in comune Elly Schlein e Matteo Salvini? In verità molto poco, se non fosse per il fatto di aver condiviso l’esperienza di europarlamentare a Bruxelles. Elly Schlein, ora candidata in Emilia-Romagna con la lista «Coraggiosa» il movimento ecologista, progressista, femminista in appoggio a Stefano Bonaccini, ha incontrato il leader della Lega in campagna elettorale nella sua regione per fargli una domanda da ex collega.

LEGGI ANCHE > Elly Schlein: «Perché il ministro degli sgomberi non interviene?»

Schlein-Salvini, il confronto improvvisato in Emilia-Romagna

Era una domanda che la Schlein avrebbe voluto fargli da diverso tempo, ma che – a quanto pare – non ha mai avuto modo di rivolgergli. La rappresentante di Emilia-Romagna Coraggiosa, infatti, gli ha chiesto per quale motivo, quando Matteo Salvini era ministro dell’Interno, non ha mai partecipato alle riunioni importanti per la modifica del regolamento di Dublino sulla gestione dell’immigrazione.

«Ciao Matteo, sono stata tua collega al parlamento europeo: te lo ricordi?». Probabilmente, avendo già individuato un potenziale pericolo, Salvini cerca di prendere tempo: «Ma certo! Elly! Aspetta un secondo». Il video girato dai sostenitori di Emilia-Romagna Coraggiosa mostra il leader della Lega intento ad armeggiare con il telefono cellulare.

Schlein-Salvini, il minuto di silenzio sul trattato di Dublino

In realtà, più che un secondo passa oltre un minuto. C’è anche un apposito contatore-timer a corredo del video per monitorare la pausa che Salvini si è preso prima di rispondere con un vago: «Io ero presente alle riunioni che contavano». Una risposta evasiva, che non poteva affatto essere considerata soddisfacente, soprattutto in virtù di tutta questa attesa e delle argomentazioni addotte dalla stessa Elly Schlein.

«Perché a Bruxelles non siete mai venuti alle 22 riunioni di negoziato sulla riforma migratoria più importante per l’Italia? Fontana (Lorenzo, ex ministro della Famiglia, ndr) era in commissione con me e non è mai venuto. Capisco fare i tweet abbaiando contro l’Europa che non fa mai abbastanza, ma le norme si cambiano ai tavoli». Parole al vento, quelle di Elly Schlein, visto che Matteo Salvini si gira e se ne va, senza neanche salutare. Resta solo il video, unica testimonianza della fuga dell’ex ministro di fronte alle domande sul merito delle questioni sulle quali ama fare propaganda.