Salvini, dopo il Papeete, dice che i parlamentari devono «alzare il c**o e andare in Parlamento anche a Ferragosto»

di Gianmichele Laino | 09/08/2019

Salvini
  • Matteo Salvini ha parlato a Pescara ieri sera

  • Vuole che il Parlamento si riunisca al più presto

  • "Deputati e senatori alzino il culo e vengano in aula anche a Ferragosto"

Evidentemente rigenerato dalla sua vacanza a Milano Marittima e dalle feste sulla spiaggia del Papeete Beach, Matteo Salvini invita – a suo modo – il resto dei parlamentari a lavorare anche nei giorni che stanno a cavallo di Ferragosto. Dal comizio di Pescara, dove il ministro ha parlato in occasione di una delle tappe del suo Beach Tour, Matteo Salvini ha dettato i tempi della crisi.

Matteo Salvini e i parlamentari che devono alzare il culo

«Ho sentito dire da qualcuno – ha detto il leader della Lega con il solito tono aggressivo – che il ministro non può aprire la crisi in questa settimana perché è Ferragosto e ci sono le ferie. No! I deputati e i senatori alzino il culo e vengano in Parlamento, perché in Italia ci sono milioni di cittadini che lavorano anche in quella settimana e a maggior ragione possono farlo i parlamentari».

Secondo il ministro Salvini, tuttavia, si è trattato semplicemente di una scusa perché i suoi colleghi sarebbero attaccati alla poltrona e farebbero di tutto per evitare il ritorno alle urne: «Non possiamo aspettare al 20, al 25, al 30 agosto. Già che ci siamo perché non aspettiamo proprio novembre? Come se l’economia del Paese potesse aspettare le vacanze dei parlamentari italiani».

Giuseppe Conte ricorda a Salvini che non spetta a lui convocare le camere

Matteo Salvini ha già trascorso – come è noto – una settimana di ferie a Milano Marittima in compagnia della famiglia. Ha anche affermato che avrebbe preferito trascorrere il Ferragosto insieme ai suoi figli. Tuttavia, la cosa più urgente in questo momento, secondo lui, è quella di aprire una crisi parlamentare. Per questo sta sollecitando i suoi ex alleati di governo a convocare le camere. Atto che, come ha detto ieri il presidente Giuseppe Conte, non spetta al ministro dell’Interno, ma ad altre istituzioni. Dai suoi Beach tour, Matteo Salvini pensa di fare il bello e il cattivo tempo anche con la Costituzione, evidentemente.

Sempre dal palco di Pescara, Matteo Salvini candida la sua corsa alla premiership. Ieri, 8 agosto, c’è stato ufficialmente il suo primo discorso da campagna elettorale.

FOTO: ANSA/FEDERICA ROSELLI