L’eleganza con cui Salvini dice che Lucia Azzolina «dovrebbe neanche occuparsi della pulizia delle aule delle scuole»

di Enzo Boldi | 25/06/2020

Salvini contro Azzolina
  • Quando si tratta di trascendere, il leader della Lega è un esperto

  • La classe di Salvini contro Azzolina

  • "Non potrebbe neanche occuparsi di fare pulizie nelle scuole"

Matteo Salvini è tornato a fare quel che sa fare meglio: gridare senza proporre soluzioni. Da diverse settimane il leader della Lega ha trovato un nuovo obiettivo da demonizzare: Lucia Azzolina. La ministra dell’Istruzione è al centro delle polemiche per le linee guida sulla riapertura delle scuole. Polemiche legittime dato che, è opinione comune, queste indicazioni lasciano troppo spazio all’interpretazione con i dirigenti scolastici lasciati – praticamente – soli con la responsabilità di programmare il futuro in classe degli studenti. Ma il dibattito politico, per sua natura, dovrebbe viaggiare su temi più elevati e non come fatto da Salvini contro Azzolina in diretta su Facebook.

LEGGI ANCHE > Cosa manca nelle linee guida per la riapertura delle scuole? La Scuola

«Abbiamo un ministro che non dovrebbe neanche occuparsi della pulizia delle aule scolastiche. Una che vuole separare i bambini con il plexiglas, una che dovrebbe essere curata, altro che ministro dell’Istruzione». Questa l’eleganza di Salvini contro Azzolina parlando in piazza ad Avezzano (in provincia de L’Aquila).

Salvini contro Azzolina che non dovrebbe neanche pulire le classi

Le contestazioni a Lucia Azzolina per quel che sta accadendo alla Scuola sono legittime, come sono legittime le proteste di oggi in tutta Italia contro le linee guida che saranno presentate oggi. La questione, però, si deve necessariamente spostare sulla dialettica utilizzata, ancora una volta, dall’ex ministro dell’Interno, senatore e segretario di un partito. Utilizzare determinate parole non fanno altro che aizzare le folle che poi, inevitabilmente, portano a una deriva. E per vedere questa deriva basta scorrere sui social i vari commenti e insulti sessisti sulla ministra dell’Istruzione, che nulla hanno a che vedere con il dibattito sulla scuola. Ma Salvini è bravissimo a trascendere e andare a toccare i nervi scoperti dando vita a fenomeni troppo spesso aizzati da lui stesso. Questo è il livello della politica italiana.

(foto di copertina: da profilo Instagram di Matteo Salvini)